13 dicembre 2019

Montebelluna

Dà delle "capre" ai consiglieri di maggioranza, poi si pente: "Non sono stato rispettoso"

L’ex consigliere era assurto agli onori della cronaca per aver definito “capre” i consiglieri comunali di maggioranza

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

Rocco Andrea Barone

MONTEBELLUNA – L’ex consigliere comunale de L’Alternativa Giusta, Rocco Andrea Barone ha mitigato la sua posizione dopo il polverone sollevato dalle sue affermazioni colorite, rivolte ai consiglieri di maggioranza. Oggetto della questione l’atteggiamento a suo dire, troppo accondiscendente dei componenti della maggioranza consiliare rispetto a quando proposto dal sindaco.

“Su OggiTreviso è uscito il quarto articolo riportante delle mie affermazioni sui consiglieri comunali sul sindaco e sulla amministrazione – scrive in un post -, l'unico dei quattro che riporta spiegando come e perché il sottoscritto sia arrivato ad etichettare gli ex colleghi in quel modo. Ritengo corretto inserire ogni frase nel suo contesto. Chi mi conosce sa quanto ami la mia città e quanto mi sia dato da fare negli anni con proposte e discussioni. In passato quando ero consigliere di maggioranza ritenendo errate certe opzioni dei miei colleghi non ho esitato a fare "muro" anche a costo di rompere per anni il saluto con alcuni di loro”.

Barone quindi prosegue: “Quella determinazione mia e di alcuni altri della allora ex maggioranza portarono a non compiere scelte che continuo a ritenere scorrette per il bene della nostra città. Certo sarebbe stato più facile accodarsi e nascondermi dietro la scelta degli altri ma non mi nascondo mai non mi tiro mai indietro. Quello che penso lo dico schietto e diretto. Ecco, forse anche troppo diretto, e questo è sbagliato. Non tutti hanno le motivazioni il tempo le capacità la voglia di lottare e sanno portare il peso delle proprie opinioni”.

Quindi il ripensamento rispetto al linguaggio usato. “Il mio errore in questa storiella è quella di non essere stato abbastanza rispettoso verso chi si fida e affida con molta, a mio avviso troppa, accondiscendenza al sindaco. La mancanza, nota a tutti, di dialogo e condivisione delle scelte portano ad errori e scelte poco felici, e questo modus operandi lo reputo assai deleterio per Montebelluna. Sbagliato è stato anche il mio modo di esprimermi”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×