26/03/2019sereno con veli

27/03/2019quasi sereno

28/03/2019sereno

26 marzo 2019

Vittorio Veneto

Cristianesimo, islam ed ebraismo. Senza muri né conflitti

Dalla Bosnia contro i pregiudizi religiosi. Ragazzi incontrano il vescovo Pizziolo

commenti |

VITTORIO VENETO - ”Vogliamo imparare da voi qualche piccolo orientamento per fare in modo che ciascuno sia costruttore di incontro e non di scontro”. Così don Roberto Camilotti, direttore della Caritas diocesana Vittorio Veneto, si è rivolto ai 12 giovani di Youth For Peace, arrivati per raccontare come tessono dialogo e abbattono pregiudizi tra le religioni, loro che sono ebrei, ortodossi, musulmani e cattolici provenienti da un Paese, la Bosnia, in cui a religione diversa corrisponde anche etnia diversa.

Ad ascoltarli, la mattina di martedì 15 alla Caritas, è arrivato anche il vescovo di Vittorio Veneto mons.Corrado Pizziolo. Con lui anche padre Mihail Damascan, ortodosso romeno, e padre Yuri, greco cattolico ucraino, che seguono comunità di immigrati in Veneto. Oltre a Sergio Tagliacozzo, rappresentante della comunità ebraica di Venezia. Invitata anche la Federazione Islamica del Veneto, che però non ha potuto essere presente.

 

“Oggi le distanze nascono più su base etnica che religiosa, ma anche le religioni possono dividere. L'aiuto più grande a superare le divisioni – ha commentato il vescovo mons.Pizziolo - viene a ciascuno dalla comprensione più profonda della sua stessa religione: né il cristianesimo né l'islam predicano l'odio verso l'altro!”. “Vediamo nella nostra società – ha detto don Camilotti - un bisogno forte di dialogo, e quindi su questo vogliamo investire. Nella convinzione che ciascuno di noi è a immagine e somiglianza di Dio”.

Le due ore di dialogo hanno inaugurato “Anche nell’esperienza religiosa: più ponti e meno muri”, ciclo organizzato da Caritas e Ufficio per l'ecumenismo della diocesi in cui i giovani di Youth For Peace presentano credenze e tradizioni delle religioni coinvolgendo il pubblico.

Culmine dell'iniziativa sarà venerdì 18 alle 20.30 alla scuola dell'infanzia di Portobuffolè: “Memoria e dialogo, vie per la pace”, incontro interreligioso per ricordare le vittime della violenza e chiedere pace, con il vescovo mons.Pizziolo, i rappresentanti di varie altre confessioni e religioni presenti nel nostro territorio e i giovani di Youth For Peace. In collaborazione con la Pastorale sociale del lavoro diocesana e il gruppo Agesci Vittorio Veneto.

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×