25/09/2018sereno

26/09/2018sereno con veli

27/09/2018sereno con veli

25 settembre 2018

Montebelluna

Credito Trevigiano, approvato bilancio e confermato cda

Oltre 100 milioni i nuovi finanziamenti e utile netto a 2,5 milioni

commenti |

assemblea credito trevigiano

VEDELAGO/MONTEBELLUNA - I soci di Credito Trevigiano, presenti al Palamazzalovo di Montebelluna, hanno confermato, senza alcun voto contrario, tutti i sette componenti del consiglio d’amministrazione della banca giunti a scadenza. Per il prossimo triennio quindi, fino alla primavera del 2021, a guidare la banca saranno ancora Pietro Pignata, Ilario Novella, Italo Bosa, Giuseppe Romano, Fabio Panizzon, Annalisa Pellizzari e Luigino Tiberio.

 

Confermati anche i 3 componenti del collegio sindacale: Giuliano Giacomazzi, Giorgio Lunardi e Lucio Bevilacqua. I soci hanno pure approvato il bilancio che presenta un utile netto di 2 milioni e 574 mila euro dopo aver versato le imposte e sostenuto il fondo di garanzia delle banche per 1,5 milioni di euro. Il CET1 è al14,04% e al tempo stesso è stato prudenzialmente aumentato il tasso di copertura del credito deteriorato, pari al 66,42%, un valore nettamente superiore alla media nazionale. I crediti in bonis della banca, dopo diversi anni di recessione, registrano un incremento del 3,10%.

 

“Siamo soddisfatti per avere ulteriormente rafforzato i fondamentali del nostro istituto. Questo ci permette di stare sul mercato come banca di riferimento con l’obiettivo di migliorare ed arricchire, anche nel futuro, la redditività complessiva, spiega Claudio Giacon direttore generale di Credito Trevigiano. Siamo pure consapevoli che l’appartenenza al Gruppo bancario ICCREA ci consentirà di ampliare i mezzi e le leve commerciali per raggiungere ulteriori obiettivi.”

 

Gli impieghi lordi totali, si legge nella relazione di bilancio, si attestano a 839 milioni di euro e i nuovi finanziamenti erogati nell’anno 2017 ammontano ad oltre 100 milioni di euro. La raccolta diretta con la clientela risulta in crescita e si attesta a 1 miliardo e 64 milioni di euro. La raccolta indiretta cresce del 13,05% ed in questa voce di bilancio si distingue sempre più la performance del risparmio gestito che cresce di 62 milioni di euro pari ad un +26% . In particolare soci e clienti hanno scelto i fondi pensione cresciuti del 26% nell’ultimo anno, ma del 42% negli ultimi due anni.

 

I nuovi conti aperti lo scorso anno sono stati circa 1.000 e, altro dato positivo, nei primi 3 mesi di quest’anno, si assiste ad un crescita doppia rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Credito Trevigiano dimostra una rinnovata vitalità ed una capacità di consulenza professionale nelle scelte di risparmio che i soci ed i clienti hanno percepito chiaramente tanto che la crescita dei clienti giovani (18/35 anni) lo scorso anno è stata del 12%, ma nell’arco di 2 anni è salita del 25%. “Abbiamo superato il periodo più critico e complicato e l’esito non era scontato, conclude Pietro Pignata presidente di Credito Trevigiano. Ora la Banca è più solida, incardinata in ICCREA, quarto gruppo bancario italiano, ed è pronta ad operare scelte più consone alla sua natura cooperativa. I soci, infatti, sono i nostri primi interlocutori e la loro fiducia è la ragione più importante dell’operatività della banca. In particolare intendiamo sviluppare la funzione sociale e mutualistica solo con interventi mirati. Ci concentreremo sulla salute e sull’ istruzione. Nell’ assemblea odierna, con il Premio all’eccellenza”, abbiamo riconosciuto il merito di 31 nostri giovani soci con altrettante borse di studio”. Il bilancio di Credito Trevigiano è stato approvato all’unanimità dai circa 500 soci presenti all’assemblea.

 

Leggi altre notizie di Montebelluna

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.942

Anno XXXVII n° 16 / 13 settembre 2018

NATI E ABBANDONATI

Abbandonare gli animali, in Italia, è un reato. Eppure qualcuno ogni giorno lo fa. La storia di Mister Frog e di chi si prende cura di lui e altri mille cani e gatti rimasti senza famiglia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×