20/10/2017tempo nebbioso

21/10/2017coperto

22/10/2017pioggia

20 ottobre 2017

Conegliano

Conegliano, siringhe e droga nei parchi

La foto-denuncia di un'utente Facebook, che posta l'immagine della siringa nella panchina

commenti |

CONEGLIANO - I parchi pubblici coneglianesi sono nel degrado. L’ennesima denuncia è arrivata ieri via Facebook, con un’utente che ha pubblicato la foto di una siringa ritrovata in una delle panchine del parco in via Rosmini a Campolongo (pubblicata in alto). Un’area verde vicino ad una scuola. I commenti non si sono fatti attendere: se da un lato c’è chi ha manifestato apertamente il proprio disappunto, dall’altro c’è chi ha interpretato il tutto come una messa in scena.

 

Secondo alcuni coneglianesi infatti potrebbe trattarsi di una goliardata, visto che la tipologia di siringa ed ago non sono quelli solitamente usati dai tossicodipendenti. Ad ogni modo si tratta di un oggetto pericoloso, soprattutto per i più piccoli. Il mese scorso il consiglio comunale aveva approvato l’inasprimento del regolamento di polizia urbana per combattere il degrado, i bivacchi e il consumo d’alcool e di droga in città.

 

Per ora però i parchi rimangono una sorta di “terra di nessuno”, e le forze dell’ordine sono costrette ad intervenire sempre più spesso nelle aree verdi. Martedì la polizia locale, durante un controllo a tappeto nei parchi cittadini, aveva fermato e segnalato 4 persone per uso personale di droga: una persona era stata beccata in Parco Rocca, altre due ai giardini di San Martino.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×