22/09/2018nuvoloso

23/09/2018nuvoloso

24/09/2018quasi sereno

22 settembre 2018

Conegliano

Conegliano, provoca l'incidente e poi fugge. I vigili lo scovano con le telecamere

Si è allontanato con la scusa dei documenti, ma poi si è dato alla fuga. Patente ritirata e denuncia all'autorità giudiziaria

Roberto Silvestrin | commenti |

CONEGLIANO - E’ fuggito con una banale scusa dopo aver provocato un incidente, ma i vigili lo hanno rintracciato e denunciato all’autorità giudiziaria. E’ accaduto stamattina intorno alle 9.45, nella rotatoria tra via Istria e via Filzi, vicino alle scuole “Grava”: una Volvo, guidata da C.G., italiano di 77 anni, non ha dato la precedenza ad una Ford Focus, con a bordo un cittadino nigeriano di 46 anni. Il mezzo guidato dall’anziano proveniva da via Istria, mentre la Focus da via Filzi: a quel punto lo scontro è stato inevitabile.

 

Dopo una breve discussione tra i conducenti, C.G. si è diretto verso l’auto, sostenendo di voler prendere i documenti per la constatazione amichevole. In realtà l’uomo ha acceso l’auto è si è dato alla fuga. Gli avventori del vicino bar hanno dato la loro testimonianza alla pattuglia della Polizia Locale intervenuta per i rilievi, mentre dalla centrale operativa del comando di Piazzale San Martino, guidato dal comandante Claudio Mallamace, sono scattati i controlli tramite le telecamere di videosorveglianza.

 

La targa dell’auto è stata immediatamente individuata, e gli agenti si sono recati a casa di C.G., per poi portarlo in comando. Il nigeriano ha riportato lievi lesioni (il cosiddetto “colpo di frusta”, prognosi di 5 giorni data dal Pronto Soccorso): trattandosi quindi di un incidente con feriti, si sono configurati per l’anziano i reati di omissione di soccorso e fuga. Per lui sono scattati il ritiro della patente e la denuncia all’autorità giudiziaria.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Conegliano

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Conegliano
vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.942

Anno XXXVII n° 16 / 13 settembre 2018

NATI E ABBANDONATI

Abbandonare gli animali, in Italia, è un reato. Eppure qualcuno ogni giorno lo fa. La storia di Mister Frog e di chi si prende cura di lui e altri mille cani e gatti rimasti senza famiglia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×