17 settembre 2019

Nord-Est

Con un "Arrivederci a Vittorio Veneto" si chiude il raduno dei Lagunari

Oltre tremila persone a San Vito al Tagliamento per celebrare l'11° raduno della specialità

commenti |

SAN VITO AL TAGLIAMENTO – Oltre tremila presenze, domenica, a San Vito al Tagliamento, per il momento conclusivo dell'11° Raduno dell'Associazione Lagunari Truppe Anfibie.

La manifestazione si era aperta sabato con l’alzabandiera, la deposizione di una corona al monumento dei caduti presso il municipi, l’inaugurazione di una mostra storica curata dall'Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell'Esercito intitolata "La Grande Guerra" e l'apertura del "Villaggio dei Lagunari" con mostre e stands promozionali.

Il momento culminante degli eventi domenica, alla presenza di numerose Autorità tra le quali il Sottosegretario alla Difesa On. Domenico Rossi, il comandante della Brigata Pozzuolo del Friuli, Generale di Brigata Ugo Cillo. L'On. Rossi, insieme al Generale Cillo ed al presidente nazionale dell'associazione – Generale di Divisione Luigi Chiapperini, ha reso gli onori alla bandiera di Guerra del Reggimento Lagunari “Serenissima” e ha passato in rassegna i reparti schierati. “Nel giorno del vostro raduno – ha detto Rossi rivolgendosi ai radunisti - celebrate un prezioso retaggio di tradizioni e di valori, sul quale avete costruito la vostra credibilità negli anni, adeguando la vostra specificità al mutare degli scenari nei quali siete stati chiamati ad intervenire, sia nelle missioni internazionali, sia nelle operazioni di soccorso alle popolazioni colpite da calamità naturali”.
"Siete una componente dell’Esercito di altissima specializzazione e grande efficacia operativa – ha aggiunto - capaci di affrontare con successo ogni tipo di operazione in ambienti operativi dove acqua e terra si toccano e si fondono”.
"Una capacità, questa, unica tra quelle del nostro Esercito, ben espressa dal vostro motto «Come lo scoglio infrango, come l'onda travolgo», di cui avete fornito numerose prove concrete nelle delicate e impegnative missioni per la stabilità, la sicurezza e la pace alle quali siete stati chiamati a concorrere: in Kosovo, in Iraq, in Afghanistan e in terra libanese, per tre volte, nel 2006, nel 2008 e nel 2013 con le operazioni Leonte”.

Nel ringraziare le Autorità intervenute e i tanti cittadini presenti alla manifestazione, ha sottolineato l'importanza dell'Esercito e delle Associazioni d'arma come assetto strategico nel risanamento morale ed etico del Paese, l’On. Rossi ha dato a tutti appuntamento, per il raduno del 2018, a Vittorio Veneto, dove l’Associazione Nazionale Truppe Anfibie conta di sfondare quota 5.000 presenze alla sfilata conclusiva.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×