20 settembre 2019

Vittorio Veneto

MILITARI NELLE STRADE: "LE GENTE E' CON NOI"

Il generale Marioli del 1° FOD: "siamo a disposizione delle richieste delle autorità"

| commenti | (4) |

| commenti | (4) |

Vittorio Veneto – “L’opinione pubblica è con noi”. Caloroso e costante l’appoggio che la popolazione dà ai militari scesi nelle città per l’operazione “strade sicure”.

Questa almeno è la sensazione, forte, dei soldati che pattugliano i siti sensibili e le città del centro nord Italia. "Il rapporto con la popolazione è eccellente - ha affermato il generale Marioli - A distanza di un anno dall'inizio delle operazioni la gente si avvicina ancora a noi per ringraziarci"

Positivo, nonostante i malumori dei sindacati dei poliziotti, anche il rapporto con la Polizia di Stato: "non abbiamo avuto nessun caso di frizione tra i nostri uomini e le forze di Polizia e queste ultime si sono dichiarate soddisfatte del nostro apporto".

Il bilancio è stato tracciato ieri a Vittorio Veneto, nella sede del Comando 1° FOD, erede del disciolto V Corpo D’Armata.

Sotto la giurisdizione del 1° FOD, comandato dal Generale Mario Marioli (nelle foto, mentre parla ai giornalisti ieri a Vittorio Veneto), da giugno sono stati posti anche i comandi territoriali di Marche, Toscana ed Emilia Romagna, riunendo così sotto la guida dall’alto Comando vittoriese tutti i comandi territoriali dell’Italia centro settentrionale.

Proprio per “Strade sicure” il 1° FOD coordina il servizio di vigilanza prestato dai militari in cinque centri di identificazione ed espulsione e in 17 province: uno sforzo che impegna in totale 1.660 uomini.

Solo nel Triveneto sono stati controllati in 1 anno 66.186 tra mezzi e persone e sono stati eseguiti 1.968 arresti, fermi e denunce. Solo nel CIE di Gorizia sono stati sventati 46 tentativi di fuga.  Sequestrati quasi 3 kili di droga tra Venezia, Padova e Verona e una quarantina di armi solo nella città scaligera e in quella del Santo. Nella Marca l’esercito si occupa di sorvegliare l’aeroporto trevigiano Canova, dove fino ad ora non si sono verificati episodi critici.

Significativi i dati anche degli interventi di bonifica: in un anno nel Nord Italia sono state disinnescate 29 bombe di aereo, 610 di mortaio, 4.482 granate e 32 ordigni con aggressivi chimici.

Il comandante Marioli ha accennato poi all'impegno dell'Esercito nelle missioni all'estero. Dal 1°Fod dipendono le brigate Folgore, Ariete, Friuli e Pozzuolo del Friuli: circa 2000 militari inviati sui teatri di guerra del Libano, Afghanistan e nell’area Balcanica, pari al 30% del totale delle Forze armate impiegate.

Marioli ha anche commentato l'ipotesi di un cambio di strategia dell'Italia, sull'esempio di quanto annunciato dagli Usa, per accentuare il peso in Afghanistan: "ci metteremo nelle condizioni di assolvere qualunque richiesta pervenga dalle nostre autorità".

Laura Repossi

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Vorrei ricordare la costituzione Italiana articolo 11 poi ognuno puo inventare qualunque cosa per giustificare il comportamento di questo paese con l'invio di forze in Afganistan. Li abbiamo inviati anche nel corno d' Africa Risultato? Arembaggi alle navi civili le armi non portano sviluppo e credo meno ancora pace adoperiamo quella montagna di denaro per sviluppare quei paesi e non con progetti faraonici che servono a foraggiare solo i dittatori di turno.
Forse se in Afganistan l'italia comperasse dai contadini prodotti della loro terra la smeterebbero di produrre droga trovando più conveniente magari coltivare patate.

segnala commento inopportuno

Vi pregherei di dare una occhiata a cosa vuol dire "sventare evasioni" dai Cie: botte e sangue.
Del resto sono militari, non ci si dovrebbe stupire:
date una occhiata qui: http://www.autistici.org/macerie/?p=20043

segnala commento inopportuno

Già l'economia è al disastro,ci mancano solo i militari per le strade, e dopo l'assomiglianza con l'argentina è perfetta

segnala commento inopportuno

ma cos e' un sito comunista?? ci sono tutti articoli contro i militari e poliziotti...mha. comunque ritornando all aggressione di quel macrebino vi siete chiesti perche e in quel posto ( cie o cpt o altre sigle) bhe la legge e chiara e un clandestino senza permesso di soggiorno se mai anche rifiutato il permesso dalla prefettura o dalla questura.per reato, comunque di certo non e' uno stico di santo e poi non lamentatevi quando vengo a sscop.....le vostree donne o mogli o fidanzate perche siete voi che lo desiderate sicuramentre siete un po perversi e agli uomini comiunisti questo forse li fa godere comunque..... in italia solo gente che vuole un futuro quello che avete visto e solo gente che vuole il potere del dominio sui meno fortunati.

segnala commento inopportuno

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

immagine della news

29/06/2015

Lavoro e combattimento

L’Arma del Genio celebra la sua festa con l’esercitazione Smart Sapper

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×