22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017rovesci e schiarite

22 settembre 2017

Mogliano

ARRESTATO INDUSTRIALE DEI RIFIUTI

Socio di minoranza della società che vuole gli inceneritori a Mogliano e Silea

| commenti | (1) |

| commenti | (1) |

Mogliano - Arrestato il 76enne imprenditore Giuseppe Grossi, alla testa di numerose società di smaltimento rifiuti, inceneritori e settore immobiliare.

Grossi, a capo della Sadi, è il maggior imprenditore italiano nel settore delle bonifiche ambientali di ex aree industriali. A lui faceva capo anche la Green Holding Spa, socio di Unindustria Multiutilities srl nel progetto degli inceneritori a Silea e Mogliano e doveva fornire la tecnologia per fare della provincia di Treviso il distretto europeo dei rifiuti speciali.

E' stato arrestato a Milano nell'ambito dell'inchiesta sulla bonifica dell'area Santa Giulia assieme ad altre quattro persone fra cui Rosanna Gariboldi, assessore a Pavia e moglie del parlamentare del Pdl Giancarlo Abelli.

L'inchiesta è stata condotta dalle Fiamme Gialle e ha portato a formulare l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale, appropriazione indebita, truffa, riciclaggio e corruzione.

L'imprenditore arrestato è a capo di una miriade di società, tra cui la Gea, realtà che gestisce le principali discariche venete a a S.Urbano di Padova e a Rovigo.
È anche gestore dell'inceneritore di Dalmine, in provincia di Bergamo.

Nel 2005 era entrato in affari con Unindustria Treviso.

È socio di minoranza della Servizi Industriali srl, società di scopo per la creazione degli inceneritori per rifiuti speciali progettati a Mogliano e Silea.

Grossi, con la Green Holding avrebbe dovuto mettere nell'operazione trevigiana le tecnologie e l'esperienza di gestione.

Le reazioni: leggi l'articolo >>>

 

ERRATA CORRIGE: Per errore era stata pubblicata a corredo di questo articolo la fotografia di un omonimo di Giuseppe Grossi, l'imprenditore milanese a capo della Green Holding.

La foto pubblicata è stata erroneamente associata alla persona dell’indagato Grossi Giuseppe, ma tale foto ritraeva invece il dr. Giuseppe Grossi, ex Direttore del Dipartimento Rischio Nucleare e Radiologico dell’Agenzia Nazionale per la Protezione dell’Ambiente.

Il dr. Grossi è uno stimato professionista consulente della SOGIN (Società Gestione Impianti Nucleari) e già Capo della Autorità Nazionale per la Sicurezza Nucleare dell’Agenzia Nazionale per la Protezione dell’Ambiente, ben noto sia in ambito nazionale che internazionale per professionalità, autorevolezza e competenza nel settore della sicurezza nucleare, del ciclo del combustibile nucleare, della gestione e dei rifiuti radioattivi, del “decommissioning” degli impianti nucleari dismessi.

A lui e ai lettori presentiamo pertanto le nostre più sentite e sincere scuse per averlo associato a una persona che con lui non ha nulla a che vedere.

 

 

Commenta questo articolo


Se può essere d'interesse anche per i lettori di OggiTreviso.it, di Grossi avevamo già parlato più approfonditamente nel nostro "speciale inceneritore", che potete legge all'indirizzo http://www.legalitaebenessere.it
Cordiali saluti

segnala commento inopportuno

Dello stesso argomento

immagine della news

21/12/2014

Inceneritori? No grazie

Votata in consiglio a Mogliano una mozione ad hoc. Bortolato: «Lo spirito di unione ci ha permesso di bloccare l’inceneritore a Bonisiolo»

immagine della news

23/05/2013

«No agli inceneritori»

Incontro a Mogliano tra le cinque amministrazioni che si battiono dal 2009 contro il progetto di Unindustria

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×