15 ottobre 2019

Ambiente

Clima, Mattarella e gli altri Capi di Stato: "Agiamo insieme e rapidamente".

AdnKronos | commenti |

AdnKronos | commenti |

Roma, 19 set. - (AdnKronos) - "Agiamo insieme, in modo deciso e rapido per fermare la crisi climatica globale". E' questo l'appello alla comunità internazionale e a tutte le parti dell’accordo di Parigi, richiamato nel testo della dichiarazione che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato con altri Capi di Stato e di Governo, in occasione del Climate Action Summit delle Nazioni Unite in programma a New York il 23 settembre.

"Noi, Capi di Stato e di Governo e altri firmatari di questa dichiarazione, siamo convinti che efficaci misure per la lotta ai cambiamenti climatici non siano solo necessarie di per sé, ma che queste creeranno ulteriori benefici collaterali e nuove opportunità per le nostre economie e società. Siamo fiduciosi che misure sostanziali ci aiuteranno a guidare il nostro pianeta verso un futuro sicuro, pacifico e prospero" si legge nella dichiarazione.

Secondo i capi di Stato, "sulla base delle competenze scientifiche e tecniche e dei mezzi finanziari che il mondo ha oggi, abbiamo l’obbligo collettivo nei confronti delle generazioni future di fare tutto ciò che è umanamente possibile per fermare i cambiamenti climatici e adattarsi ai loro effetti avversi, nel rispetto dell’esigenza di una giusta transizione delle nostre società".

"Alla luce delle conclusioni della relazione speciale dell’Ipcc e dei risultati della Cop24 esortiamo tutte le parti a rendere il 2019 l’anno dell’ambizione climatica venendo al vertice sull’azione per il clima del segretario generale delle Nazioni Unite a settembre 2019 con piani e iniziative concrete per ridurre le emissioni di gas a effetto serra significativamente oltre gli attuali traguardi per il 2030, nella misura in cui tali obiettivi non siano in linea con quelli dell’Accordo di Parigi, e giungere a zero emissioni nette entro il 2050, a partire da contributi determinati su base nazionale rafforzati dall’anno prossimo".

Nel testo, inoltre, si sottolinea "l’importanza di assicurare che tutti i flussi finanziari siano coerenti col percorso verso ridotte emissioni di gas a effetto serra e con uno sviluppo resiliente rispetto al cima, ed esortiamo tutte le istituzioni finanziarie ad allineare i loro investimenti alle finalità di lungo periodo dell’Accordo di Parigi, a intensificare e allargare gli investimenti in efficienza energetica ed energie rinnovabili così come a disinvestire il prima possibile dall’economia dei combustibili fossili"

"Facciamo avanzare le molteplici opportunità e misure per combattere i cambiamenti climatici e plasmiamo un futuro positivo per il nostro pianeta. Lasciamo in eredità un mondo degno di essere vissuto ai nostri figli e alle generazioni future" concludono i capi di Stato.

 



AdnKronos

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×