17/06/2019quasi sereno

18/06/2019possibile temporale

19/06/2019quasi sereno

17 giugno 2019

Esteri

Clima, 171 paesi firmano accordo di Parigi. DiCaprio all'Onu: "E' il momento di agire"

commenti |

Un numero record di 171 paesi firmerà l'accordo di Parigi sul contrasto ai cambiamenti climatici, in una cerimonia al quartier generale dell'Onu a New York. Si tratta del più gran numero di Paesi impegnati a firmare un accordo in un solo giorno, ha sottolineato il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon. "Stiamo facendo la storia - ha detto - stiamo battendo un record e questa è una buona notizia". "Il potere di costruire un mondo migliore - ha aggiunto - è nelle nostre mani".

Un gruppo di 15 Paesi, in gran parte piccole isole nazione, depositerà anche la ratifica dell'accordo votata dai loro parlamenti. L'accordo di Parigi entrerà in vigore se vi saranno almeno 55 ratifiche di paesi che coprono il 55% delle emissioni inquinati.

L'attore premio Oscar Leonardo DiCaprio nel Palazzo di Vetro dell'Onu si è rivolto così ai rappresentanti dei Paesi presenti alla firma dell'accordo: "E' il momento per un'azione audace, senza precedenti"."Basta parole, basta scuse, basta studi decennali, basta permessi alle compagnie dei combustibili fossili di manipolare e dettare la scienza e le politiche che riguardano il nostro futuro. Questo è il consesso che può fare ciò che è necessario. Tutti voi che sedete in questa sala: il mondo vi sta guardando, potrete essere lodati dalla future generazioni o denigrati", ha detto l'attore, impegnato sul fronte ambientalista, nel suo discorso di circa 6 minuti in cui ha ricordato gli effetti disastrosi del cambiamento climatico e citato Abraham Lincoln. "Siete l'ultima migliore speranza per la Terra", ha detto. "Non possiamo salvare il pianeta se non lasciamo i combustibili fossili nel sottosuolo, cui essi appartengono", ha sottolineato DiCaprio. "È necessaria una trasformazione profonda. Gli strumenti sono nelle nostre mani e dobbiamo applicarli prima che sia troppo tardi", ha aggiunto la star di Hollywood, che è ambasciatore delle Nazioni Unite per la salvaguardia del clima.

DiCaprio ha poi fatto un paragone tra gli sforzi necessari per combattere i cambiamenti climatici e l'abolizione della schiavitù negli Stati Uniti: "Tutti sapevano che bisognava abolirla, ma nessuno aveva la volontà politica di farlo". E ha concluso: "Dopo 21 anni di dibattiti e conferenze, è il momento di agire. Non più parole, non più scuse, non più studi per dieci anni, e non possiamo più permettere alle aziende petrolifere di manipolare e imporsi sulla scienza e sulle politiche che riguardano il nostro futuro".

Su Twitter il premier Matteo Renzi a proposito della firma degli accordi ha scritto: "L'Italia sarà protagonista di questo accordo storico, per i nostri figli e per i nostri nipoti". Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, in una dichiarazione diffusa in occasione della firma all'Onu, ha dichiarato: "Come seconda fonte d'inquinamento del mondo, l'America deve prendersi la responsabilità di agire".

"L'impatto del cambiamento climatico è reale", ha affermato Obama, ricordando di averne già visto gli effetti durante la sua visita dell'estate scorsa in Alaska. Guardando indietro ai sette anni trascorsi del suo mandato, il capo della Casa Bianca dice di "aver fiducia che il lavoro fatto permetterà alle mie figlie e a tutti i nostri bambini di ereditare un pianeta più pulito, sano e sicuro". Ma avverte che "c'è ancora da lavorare".

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×