21/07/2018possibile temporale

22/07/2018temporale e schiarite

23/07/2018parz nuvoloso

21 luglio 2018

Treviso

Classe top al liceo Canova di Treviso: la media di maturità è di 90/100

Due cento e lode e tre cento in una sola classe, ottimi voti anche per gli altri studenti

commenti |

VITTORIO VENETO - Non è certo un exploit episodico quello della classe III D EsaBac del liceo classico “Antonio Canova” di Treviso ma il risultato di un percorso solido ed approfondito, dedicato ad un corso di studi che ha permesso a tutti i 15 allievi di ottenere anche il Baccalaureato francese, insieme al diploma italiano, che permetterà loro l'iscrizione diretta alle università francesi.

 

Svettano le eccellenze a piene mani: due cento e lode: Marco Gagno e Filippo Pavan. Tre centini: Letizia Cogo, Gaia Maronilli e Greta Vecchiato. Per gli altri ottimi risultati che portano la media della classe a 90/100. I ragazzi della III D lasciano l'ostrica del liceo per il mare dell'università sparpagliandosi in Italia ed all'estero - da Vancouver a Strasburgo – e con loro conclude la carriera di insegnamento anche la professoressa Lucia Saccon, “storica”, conosciutissima ed apprezzata docente di lingua inglese del liceo Canova da trent'anni a questa parte.

 

Una dei docenti del nucleo fondante l'allora liceo linguistico “progetto Brocca”, pioniera dell'insegnamento di Cittadinanza e Costituzione con il laboratorio P.E.S. (Parlamento Europeo degli Studenti) cui fu attribuito il premio “Scudo della Pace”, infaticabile accompagnatrice degli allievi del liceo in esperienze all'estero sempre all'avanguardia ed alla scoperta delle diverse culture del mondo anglosassone: dall'Irlanda alla Gran Bretagna, dagli USA alla Nuova Zelanda e all'Australia. Dopo più di 41 anni di insegnamento, si dedicherà ad un meritato otium.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×