19/08/2017temporale e schiarite

20/08/2017quasi sereno

21/08/2017quasi sereno

19 agosto 2017

Nord-Est

Cinghiali: la caccia è aperta

La regione Veneto promuove le “battute selettive”

commenti |

VENEZIA - E’ caccia al cinghiale. Ma selettiva. L’assessore regionale Giuseppe Pan ha proposto questa mattina un coordinamento operativo tra guardie provinciali, servizi forestali, operatori del Parco Colli, sotto la regìa della Regione, per un piano sinergico di contenimento dei cinghiali che devastano pendici e raccolti sugli Euganei e mettono a rischio anche l’incolumità di residenti e turisti.

Nel corso dell’incontro, numeri alla mano, sono state ricordate le azioni di contenimento sinora svolte nei confronti dei pericolosi ungulati.

“La Regione sta seguendo con grande attenzione la problematica della presenza dei cinghiali sul territorio regionale e in particolare nei Colli Euganei – ha confermato l’assessore – Sono già state impostate azioni specifiche con l’obiettivo di riportare sotto controllo la proliferazione dei suidi, in collaborazione con l’Ente Parco che ha la competenza su questo tipo di interventi nel proprio territorio e con il coinvolgimento della Polizia provinciale. Il problema, peraltro, è noto da anni e l’esperienza insegna che il rimpallo delle responsabilità o la frammentazione delle competenze non portano a nulla”.

Da qui l’impegno dell’assessore a costituire una ‘task force’, sotto la regìa regionale, per coordinare il lavoro e gli sforzi dei diversi enti che hanno competenza nella gestione del problema.

Il passaggio successivo – ha annunciato l’assessore – è il varo del piano di contenimento dei cinghiali nell’area del Parco, attualmente all’esame dell’ISPRA, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale. “Sul territorio veneto è in corso di sperimentazione in provincia di Verona un programma di contenimento selettivo che intendiamo allargare a tutta la Regione – ha dichiarato Pan – non appena avremo il via libera da parte dell’istituto preposto del ministero per l’Ambiente. Inoltre, per rendere più efficace l’azione, la Giunta regionale ha predisposto due disegni di legge, attualmente all’esame del Consiglio regionale, che metteranno a disposizione ulteriori strumenti: il riordino delle funzioni dell’ente parco, e il riordino della normativa in materia di danni provocati dalla fauna selvatica”.

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.918

Anno XXXVI n° 14 / 27 luglio 2017

VACCINI A SCUOLA. PROMOSSI O BOCCIATI?

Per andare a scuola non basta il diario. Ora ci vuole il libretto sanitario. Con il certificato delle vaccinazioni.Ma è proprio indispensabile?

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×