22/10/2017pioggia debole

23/10/2017sereno con veli

24/10/2017quasi sereno

22 ottobre 2017

Vittorio Veneto

Cesana Malanotti-Comune, dopo le task force anche il comitato permanente

Continua la collaborazione sul fronte dei servizi sociali

Roberto Silvestrin | commenti |

VITTORIO VENETO - Dopo le due task force, ecco anche il “comitato permanente di consultazione”. Cesana Malanotti e Comune hanno formato la terza formazione relativa al protocollo d’intesa firmato l’11 aprile scorso, che metteva sul piatto il passaggio dei servizi alla persona alla casa di riposo.

 

Grazie alla delibera pubblicata ieri sul sito del comune (nonostante la riunione di giunta risalga al 6 giugno), si apprende che il comitato è formato – per la parte che riguarda il Cesana – dal presidente Maurizio Castro, dalla vice presidente Michela Da Ros e dal direttore Pasquale Bongiorno, mentre – per quel che compete all’amministrazione vittoriese – dal sindaco Roberto Tonon, dall’assessore Barbara De Nardi e dal dirigente Paola Costalonga.

 

Citando alla lettera il documento, questo comitato ha il compito di “esplorare le opportunità di collaborazione nell’area dei servizi sociali e sanitari integrati”. Prosegue quindi la collaborazione tra i due enti, nonostante gli sviluppi (e i colpi di scena) avvenuti nei mesi scorsi. Il fulcro del protocollo riguardava infatti il passaggio della gestione dell’asilo comunale alla struttura di via Carbonera: provvedimento che aveva trovato molti ostacoli in consiglio comunale.

 

Che aveva stabilito che ogni servizio alla persona, nel suo “trasferimento” al Cesana, sarà votato singolarmente: visto lo sbarramento portato anche da vari consiglieri di maggioranza, è molto probabile che l’asilo resti comunale. A confermarlo era stato anche il capogruppo Pd Marco Dus, che a giugno aveva reso nota l’intenzione del comune di mantenere l’asilo.

 

Potrebbero esserci proprio questi elementi alla base del ritardo nei lavori delle due task force (una per l’asilo, l’altra peri restanti servizi sociali).

 

I termini per la presentazione dei progetti per le due commissioni, formate da membri dei due enti, erano stati fissati per il 30 giugno: ad inizio settembre il consigliere di Forza Italia Paolo Santantonio aveva presentato un’interrogazione per conoscere i risultati del lavoro delle task force, visto che dopo la scadenza estiva non erano più state fornite notizie in merito.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×