27/06/2017piovaschi e schiarite

28/06/2017temporale e schiarite

29/06/2017possibile temporale

27 giugno 2017

Vittorio Veneto

Centrale elettrica a Cordignano, "Opera devastante"

I cittadini di via Tintori contro il progetto della centralina sul Meschio

commenti |

CORDIGNANO - Una mega centralina elettrica da 115 kw sul fiume Meschio. E’ il progetto al quale si oppongono i cittadini di via dei Tintori, a Cordignano, che hanno formato un comitato per mettere in piedi le controdeduzioni a quello che loro definiscono un “ecomostro”. Il progetto - si parla di un investimento da un milione di euro che renderà circa 200mila euro l’anno - è stato pubblicato sull’albo del Comune il 13 maggio e, per le controdeduzioni, c’è tempo fino al 13 giugno.

 

Il comitato spiega il progetto: “Si tratta di deviare la quasi totalità (3 mc su un totale di 3,5 mc) dell'acqua del fiume Meschio attraverso un impianto a coclea, lungo un condotto sotterraneo in via dei tintori, lasciando all'asciutto 500 metri di fiume su un sito di grande valore ambientale e paesaggistico. In barba a tutte le tutele previste dai piani urbanistici Comunali”.

 

“Se verrà fatta questa opera - riferisce il comitato - c'è una abitazione che si troverà una coclea di 4 metri di diametro dentro un bussolotto di cemento armato lungo 25 metri, a tre metri dalle proprie finestre di casa. Quello che chiediamo a tutti e due i gruppi politici che sono in lista per le elezioni Comunali che si terranno domenica 5 giugno a Cordignano, è quello di pronunciarsi per una forte opposizione a questo “devastante” progetto medianti atti concreti fin da subito”.

Contro il progetto è stata avviata una raccolta firme.

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×