20/09/2017quasi sereno

21/09/2017sereno

22/09/2017quasi sereno

20 settembre 2017

Montebelluna

Cementificio di Pederobba, Zanoni: “Camino troppo basso?”

Interrogazione del consigliere Pd: “La Regione verifichi con Ulss e Arpav l’altezza e collabori a studio epidemiologico”

commenti |

PEDEROBBA - “Il camino del cementificio di Pederobba pare proprio troppo basso rispetto al centro abitato, con possibili rischi per la salute degli abitanti. Ma non è l’unica preoccupazione data da questo impianto ai cittadini, perciò torno a chiedere alla Regione di collaborare all’indagine epidemiologica voluta dal Comune, coinvolgendo Ulss 2 e Arpav”. L’appello è di Andrea Zanoni ed è contenuto in un’interrogazione a risposta scritta presentata dal consigliere regionale trevigiano del Partito Democratico.

 

“L’attività della Cementi Rossi nell’area di Pederobba, compreso il co-incenerimento di rifiuti, risale al 1996 e in oltre vent’anni non è mai stato realizzato uno studio di impatto sanitario per verificare gli effetti sulla popolazione. Di recente, inoltre, la proprietà ha chiesto di utilizzare come combustibile la plastica da rifiuto e siamo in attesa che si concluda la procedura di Via (Valutazione di impatto ambientale) presso la Provincia di Treviso. Non si tratta di attività trascurabili, sia per la salute che per l’ambiente: va sottolineato che l’area di ricaduta degli inquinanti è la stessa del Distretto del Prosecco delle Docg di Valdobbiadene e Conegliano e di Asolo e Montello, eccellenze dell’agroalimentare veneto”.

 

“Tutto questo – ricorda Zanoni - va a insistere in un territorio, quello della Pedemontana trevigiana già pesantemente inquinato, sia da polveri sottili che anidride carbonica. Problemi su cui la Regione è latitante, basti pensare al Piano dell’aria approvato nel 2016 ma largamente inefficace”.

 

Nell’interrogazione il vicepresidente della commissione Ambiente cita due infografiche diffuse dal coordinamento ‘Aria che voglio’: dalla prima, realizzata sulla base dei dati ufficiali elaborati dal professor Gianni Tamino dell’Università di Padova emergono le maggiori emissioni dello stabilimento di Pederobba rispetto a quello euganeo, nel secondo l’anomala altezza del camino del cementificio trevigiano.

 

“Un’anomalia aggravata dal fatto che l’impianto si trova in prossimità del Piave e quindi l’altezza reale rispetto i centri abitati circostanti è molto inferiore. Rispetto alla piazza di Pederobba, il camino è più alto ma di soli sette metri, in confronto a quella di Valdobbiadene sarebbe addirittura sotto”. Da qui la doppia richiesta alla Regione: “Verifichi con Ulss 2 e Arpav la regolarità dell’altezza del camino per capire se permette di diluire adeguatamente gli inquinanti nell’atmosfera e garantisca piena collaborazione al Comune per la realizzazione dell’indagine epidemiologica sullo stato di salute dei cittadini dell’area”.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×