24/03/2017velature sparse

25/03/2017sereno con veli

26/03/2017temporale e schiarite

24 marzo 2017

Caccia, Lav: "Zaia blocchi subito il progetto di legge"

Con la nuova proposta di legge la Regione intende punire con multe fino a 3.600 euro chi disturba l'attività venatoria

TREVISO - “Chiediamo al Governatore Luca Zaia di esprimersi contro la proposta di legge “Disturbo all'attività venatoria”, con la quale la Regione vuole punire con multe fino a 3.600 euro, chi difende la propria casa dai cacciatori, o chi vuole passare del tempo libero all'aperto in zona di caccia magari facendosi sentire proprio per non finire impallinato”.

A chiederlo è la Lega antivivisezione di Treviso (Lav) che ha lanciato una petizione su change.org, già sottoscritta da 450 cittadini, e che sarà consegnata al governatore Zaia l'11 novembre, quando la regione sarà chiamata a votarà il progetto di legge. Per quel giorno la Lav ha organizzato anche un sit-in pacifico davanti la sede del consiglio regionale, a Venezia.

A sollevare il problema anche il consigliere regionale Andrea Zanoni (Pd), dopo i fatti avvneuti la scorsa settimana quando alcuni abitanti di Zero Branco si sono trovati i cacciatori nei giardini di casa. “Ormai non passa giorno senza che i giornali riportino casi di violazione delle norme fondamentali di sicurezza sulla caccia. Pochi giorni fa ancora due casi in provincia di Treviso. E la Regione Veneto che fa? - scrive Zanoni nella sua pagina Facebook - Propone una legge allo Stato per togliere le sanzioni penali sulla caccia e addirittura di prevedere con due leggi regionali multe da 600 a 3.600 euro e pene dai 6 ai 18 mesi per chi disturba i cacciatori. Una Regione forte con i deboli e debole con i forti che tutela i bulli anziché le loro vittime. Farò il possibile per bloccare queste leggi”.

 



Loading...

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Zaia annuncia la manovra sull'Irpef per la Pedemontana Veneta. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.909

Anno XXXVI n° 5 / 16 marzo 2017

MENINGITE. DOBBIAMO AVERE PAURA?

Perché la meningite non è un incubo. Tanti buoni motivi per non creare un falso allarme. Benazzi: “Il numero dei malati è nella norma”. Il metodo - prevenzione (cioè il vaccino) funziona sempre

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×