21/02/2017coperto

22/02/2017nuvoloso

23/02/2017pioviggine

21 febbraio 2017

Caccia, Lav Treviso al sit-in davanti la Regione

Il consiglio regionale domani discute la nuova proposta di legge che intende punire chi disturba l'attività venatoria

TREVISO - Domani il consiglio regionale discute la proposta di legge regionale che vuole punire chi disturba la caccia e la pesca con multe fino a 3.600 euro per “chiunque possa turbare o interrompere l’attività di caccia”. Domani anche la Lav, Lega antivivisezione, di Treviso sarà presente davanti a palazzo Ferro Fini a Venezia con un sit- in delle associazioni animaliste ed ambientaliste.

“La proposta di legge Viene discussa in un periodo in cui la stampa riporta quotidianamente notizie di cacciatori che invadono le proprietà private senza alcun rispetto per la tranquillità dei cittadini. Ebbene in questo contesto di insicurezza generale, se la proposta di legge venisse approvata dal Consiglio Regionale, si giungerebbe al paradosso che i cittadini che si volessero difendere dall’invasione delle loro proprietà da parte dei cacciatori, potrebbero venire sanzionati con cifre esorbitanti. Non più “paroni a casa nostra” i cittadini veneti oltre al danno subirebbero anche la beffa di venire sanzionati per aver difeso i propri cari e la propria casa”.

La Lav ritiene che “il volere della minoranza dei cacciatori, che rappresentano meno dell’1% dei cittadini, non possa prevalere sul diritto alla tranquillità della stragrande maggioranza dei cittadini veneti”, per questo motivo hanno organizzato un sit-in proprio in concomitanza con la discussione in Consiglio Regionale.

 



Commenta questo articolo


Dello stesso argomento


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Otto casi di meningite nella provincia di Treviso. Sei preoccupato?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.907

Anno XXXVI n° 3 / 16 febbraio 2017

CARLO E COSETTA: UNA VITA CHE E' (QUASI) POESIA

Zarlatàn (de Zèneda) e (quasi) poeta. Carlo se la ride sotto i versi. Nonostante la...censura. Ha iniziato a scrivere versi per “salvarsi”. Ma anche perché, sin da bambino, provava una simpatia particolare per la poesia, che riusciva a imparare a memoria senza fatica. Col tempo, Carlo Piasentin ha fatto di un impulso giocoso una passione fondamentale. Eppure, in casa, ha sempre avuto un giudice severissimo: la moglie Cosetta. Che - ma questa è pura chiacchiera da salotto - lo ha sposato...per allegria

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×