20/08/2018quasi sereno

21/08/2018quasi sereno

22/08/2018quasi sereno

20 agosto 2018

Vittorio Veneto

C'è chi dorme per strada

A Vittorio Veneto aumentano i "senza tetto" e i "senza patria". Ma il comune non crea un dormitorio

commenti |

dormitorio vittorio veneto

VITTORIO VENETO - Il Comune non vuol saperne di creare un dormitorio. Eppure in città aumentano i “senza tetto” e “senza patria”: rifugiati senza un ricovero. Che presto verranno sorpresi dall’inverno. Hanno bussato alle porte del Comune nell’inverno del 2015: “Siamo senza un tetto, aiutateci”.

 

Ora, con la stagione fredda alle porte, il problema si riproporrà, per il terzo anno consecutivo.

 

Ma a Vittorio Veneto, nonostante numerose richieste, un dormitorio pubblico non è ancora stato aperto.

 

Sul Quindicinale in uscita in questi giorni abbiamo fatto il punto della situazione, sentendo i pareri di chi “lavora sul campo” dell’accoglienza. Abbonati al Quindicinale e scopri anche i nuovi libri in omaggio per gli abbonati.

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×