13 dicembre 2019

Ambiente

Il buco dell'ozono si è chiuso prima (ma non è 'guarito').

AdnKronos | commenti |

AdnKronos | commenti |

Il buco dell'ozono si è chiuso prima (ma non è 'guarito').

Roma, 11 nov. - (Adnkronos) - Quest'anno il buco dell'ozono, che si forma ogni anno sopra l'Antartide durante la primavera nell'emisfero australe, è scomparso prima rispetto alla media degli anni precedenti. Ma questo non significa che le condizioni dello strato di ozono siano migliorate, per questo serviranno ancora diversi decenni.

Quello del 2019 è stato il più piccolo buco dell'ozono mai formatosi in Antartide da 35 anni e la sua scomparsa precoce è stata registrata dagli scienziati di Copernicus Atmosphere Monitoring Service (Cams, il progetto implementato dal Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio raggio per conto dell'Unione europea) che hanno monitorato l’attività del fenomeno da agosto.

Tendenzialmente il buco dell'ozono inizia ad apparire nel mese di agosto, raggiungendo la massima estensione a ottobre, per poi chiudersi verso la fine di novembre o a inizio dicembre. La chiusura del buco all’inizio del mese di novembre è quindi insolita.

Gli scienziati hanno notato che il buco dell'ozono del 2019 non ha registrato la stessa crescita come è successo nel corso del mese di agosto degli ultimi anni. "Un improvviso riscaldamento stratosferico in Antartide ha generato un vortice polare meno stabile e più caldo del solito, con conseguente riduzione dell'esaurimento dell'ozono", spiega Antje Inness, Cams Senior Scientist.

Questo ha reso il buco dell'ozono del 2019 uno dei più piccoli mai registrati dalla metà degli anni '80, periodo in cui è stata registrata una stagione del buco dell’ozono insolitamente breve. Ma per Vincent-Henri Peuch, Head of the Copernicus Atmosphere Monitoring Service, "le dimensioni eccezionalmente ridotte del buco dell’ozono e la sua rimarginazione in tempi record non si traducono automaticamente in un miglioramento delle condizioni dello strato di ozono. Questi eventi dimostrano semplicemente la grande variabilità dei buchi dell’ ozono da un anno all'altro".

La guarigione dello strato di ozono "richiederà ancora diversi decenni e gli sforzi di monitoraggio internazionale dell'ozono e delle sostanze nocive derivanti dall’attività umana svolgono un ruolo cruciale nel garantire il raggiungimento degli obiettivi", sottolinea Peuch.

Cos'è l'ozono e perché si 'buca'. Lo strato di ozono protegge la vita sulla Terra dalle radiazioni ultraviolette solari (UV) nocive. Alla fine del XX secolo, le emissioni di Ods, come i clorofluorocarburi (Cfc) e gli idrofluorocarburi (Hfc), hanno agito negativamente lo strato di ozono, con conseguenti eventi annuali di deplezione dell'ozono ("buchi") nelle regioni polari.

Il buco dell'ozono è apparso per la prima volta decenni fa, a causa di emissioni nocive di sostanze chimiche derivanti da aerosol, refrigeranti, pesticidi e solventi prodotte dall’uomo. Tuttavia, il protocollo di Montreal del 1987 è stato firmato da 196 Stati e dall'Unione europea, all'interno della quale sono state gradualmente eliminate le principali sostanze chimiche che riducono l'ozono.

Questa azione a livello mondiale ha portato alla graduale riparazione dello strato di ozono e si prevede che i valori di ozono torneranno ai livelli pre-80 entro il 2060.

Come si forma il buco dell'ozono in Antartide. Le sostanze contenenti cloro e bromo si accumulano all'interno del vortice polare dove rimangono chimicamente inattive nell'oscurità. Le temperature nel vortice possono scendere al di sotto di -78 gradi Celsius e possono formarsi nubi stratosferiche polari, che svolgono un ruolo importante nelle reazioni chimiche. Quando il sole sorge sopra il Polo, gli atomi di cloro e bromo chimicamente attivi vengono rilasciati nel vortice e distruggono rapidamente le molecole di ozono, causando la formazione del buco.

Nel 2019, il vortice polare era insolitamente caldo e debole rispetto alla media e questo ha consentito una miscelazione maggiore con l’aria esterna ricca di ozono. Questi due effetti hanno limitato l'entità della distruzione dell'ozono nei mesi di settembre e ottobre 2019 in Antartide.

 



AdnKronos

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×