21/09/2017quasi sereno

22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

21 settembre 2017

Castelfranco

Bragagnolo e Macca creano Oficina Fotografica

Sede a Fanzolo, al Borgo di Villa Emo. Sabato 4 febbraio primo workshop e prima mostra

commenti |

VEDELAGO - Una giornata all’insegna della fotografia. E’ quanto è in programma per sabato 4 febbraio a Villa Emo, a Fanzolo di Vedelago.

Protagonista della giornata sarà la neonata associazione Oficina Fotografica nata da un’idea dei fotografi Carlo Bragagnolo e Daniele Macca per sostenere e diffondere la cultura fotografica attraverso iniziative di confronto, dibattito e formazione.

 

Due gli appuntamenti in programma, uno al mattino, ed uno al pomeriggio.

Dalle 10.00 alle 13.00 Oficina fotografica propone un workshop in Villa con figuranti in costume del ‘700. E’ prevista una lezione pratica su: composizione, luce d’ambiente, gesto (massimo 12 partecipanti; contributo 50 euro, comprensivo, per chi lo desideri, della quota d’iscrizione all'Associazione).

Nel pomeriggio, invece, alle 15, verrà presentata la nuova associazione e la sede, messa a disposizione dalla Fondazione Villa Emo guidata da Armando Cremasco, presso il Borgo di Villa Emo. Sarà questa anche l’occasione per inaugurare la mostra fotografica di sette autori della Castellana con una trentina di fotografie selezionate da Oficina Fotografica: Emanuele Confortin Sara Furlanetto, Giuseppe Andretta, Francesca Guoitto, Massimo Branca, Daniele Macca, Carlo Bragagnolo e per presentare il Photo Contest EMO17 in programma nel corso del 2017, grazie alla collaborazione della Fondazione Villa Emo onlus.

 

"Oficina fotografica - commenta il presidente, Carlo Bragagnolo - vuole essere un punto d'incontro per coloro che si interessano della fotografia, siano essi amatori, professionisti o principianti che condividono la voglia ed il desiderio di confrontarsi, di scambiarsi esperienze proprie della fotografia attraverso incontri, corsi, esposizioni. Apriamo questa esperienza proprio con due interessanti opportunità: un workshop in Villa e una mostra di autori castellani: in entrambi i casi per offrire un’occasione importante di conoscenza, spunto, ricerca, sperimentazione e confronto in campo fotografico.

 

(Nella foto Macca e Bragagnolo insieme davanti a Villa Emo)

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×