16 settembre 2019

Treviso

BOUICHOU GIOVEDÌ IN ITALIA

L’uomo, accusato del duplice omicidio di Castagnole, sarà consegnato agli agenti della mobile di Treviso al passo Rabuiese

| commenti |

| commenti |

Paese – Giovedì Fahd Bouichou, il 27enne marocchino accusato di essere l'autore del duplice omicidio di Castagnole, sarà consegnato agli agenti della squadra mobile. Lo scorso 24 febbraio avrebbe ucciso la sua ex compagna Elisabetta Leder e la figlioletta Arianna di meno di due anni.

La consegna dell’uomo avrà luogo presso il passo Rabuiese dopo di che verrà condotto in questura per l’identificazione, quindi tradotto in un carcere di massima sicurezza, molto probabilmente a S. Bona. Soddisfatto il questore di Treviso Carmine Damiano che parla di eccezionale collaborazione di cooperazione internazionale fra la polizia e il coordinamento della Direzione centrale della polizia criminale che ha reso possibile l’arresto dopo solo 36 ore, ma anche assicurarlo alla giustizia italiana in tempi rapidi.

Damiano ha sottolineato come l'impianto probatorio incastri l'uomo anche al di la delle sue dichiarazioni rese finora all'autorità slovena. Durante la sua fuga, infatti, Bouichou aveva lasciato molti indizi ritenuti assolutamente rilevanti dallo stesso questore di Treviso.

In primo luogo il cellulare dell’ex compagna rubato dall’appartamento di Castagnole e quindi gettato via in seguito. Poi c’è la telefonata, che gli è stata fatale, fatta alla sorella in Marocco da una cabina della stazione ferroviaria di Trieste. Intercettata la chiamata, è stato, infatti, possibile capire la posizione del marocchino.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×