23/03/2017nuvoloso

24/03/2017nuvoloso

25/03/2017sereno con veli

23 marzo 2017

Bestemmia in Consiglio comunale

Il leghista Rosset se la prende con la divinità

immagine dell'autore

Sono duri. E impuri, a quanto pare. I leghisti vittoriesi, e in particolare il consigliere comunale Mario Rosset, durante l'ultima seduta del consiglio sono scivolati (diciamo così) nel "reato" di blasfemia. A microfoni spenti, ma a seduta in corso, l'esponente del Carroccio ha bestemmiato. Una bestemmia avvertita sia dai banchi della maggioranza (che, a quanto pare, hanno fatto spallucce) sia da quelli della minoranza, che non hanno punto gradito.
Il fatto probabilmente passerà...inascoltato, anche se è bene ricordare che legislativamente la bestemmia andrebbe sanzionata con una multa da 50 a 300 euro.
«Chiunque – recita il comma primo del Decreto Legislativo n. 507 (1999, versione vigente) - pubblicamente bestemmia, con invettive o parole oltraggiose, contro la Divinità è punito con la sanzione amministrativa da lire centomila a seicentomila».

Altrove vengono precisati i “requisiti” della bestemmia:

    * l’autore della bestemmia può essere chiunque, anche un ateo;
    * si concretizza nella sua semplice attuazione, indipendentemente dalle reali intenzioni dell’autore;
    * il fatto che sia diventata una consuetudine, o che lo sia in certi ambienti, è irrilevante;
    * devono essere chiaramente individuate le parole profferite;
    * deve avvenire in luogo pubblico o aperto al pubblico; non è illecito quindi bestemmiare nella propria abitazione;
    * devono essere presenti almeno due persone;
    * non rientrano nella fattispecie le rappresentazioni figurate, i gesti, gli atti offensivi.

 



foto dell'autore

admin
inserire qui una descrizione del giornalista

SEGUIMI SU:

Loading...

Commenta questo articolo



vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Zaia annuncia la manovra sull'Irpef per la Pedemontana Veneta. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.909

Anno XXXVI n° 5 / 16 marzo 2017

MENINGITE. DOBBIAMO AVERE PAURA?

Perché la meningite non è un incubo. Tanti buoni motivi per non creare un falso allarme. Benazzi: “Il numero dei malati è nella norma”. Il metodo - prevenzione (cioè il vaccino) funziona sempre

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×