20/10/2017tempo nebbioso

21/10/2017coperto

22/10/2017pioggia

20 ottobre 2017

Treviso

Bestemmia in Consiglio comunale

Il leghista Rosset se la prende con la divinità

admin | commenti |

immagine dell'autore

Sono duri. E impuri, a quanto pare. I leghisti vittoriesi, e in particolare il consigliere comunale Mario Rosset, durante l'ultima seduta del consiglio sono scivolati (diciamo così) nel "reato" di blasfemia. A microfoni spenti, ma a seduta in corso, l'esponente del Carroccio ha bestemmiato. Una bestemmia avvertita sia dai banchi della maggioranza (che, a quanto pare, hanno fatto spallucce) sia da quelli della minoranza, che non hanno punto gradito.
Il fatto probabilmente passerà...inascoltato, anche se è bene ricordare che legislativamente la bestemmia andrebbe sanzionata con una multa da 50 a 300 euro.
«Chiunque – recita il comma primo del Decreto Legislativo n. 507 (1999, versione vigente) - pubblicamente bestemmia, con invettive o parole oltraggiose, contro la Divinità è punito con la sanzione amministrativa da lire centomila a seicentomila».

Altrove vengono precisati i “requisiti” della bestemmia:

    * l’autore della bestemmia può essere chiunque, anche un ateo;
    * si concretizza nella sua semplice attuazione, indipendentemente dalle reali intenzioni dell’autore;
    * il fatto che sia diventata una consuetudine, o che lo sia in certi ambienti, è irrilevante;
    * devono essere chiaramente individuate le parole profferite;
    * deve avvenire in luogo pubblico o aperto al pubblico; non è illecito quindi bestemmiare nella propria abitazione;
    * devono essere presenti almeno due persone;
    * non rientrano nella fattispecie le rappresentazioni figurate, i gesti, gli atti offensivi.

 



foto dell'autore

admin
inserire qui una descrizione del giornalista

SEGUIMI SU:

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×