19 novembre 2019

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Basta glifosate, per togliere l'erba dai vigneti arrivano le pecore

Claudia Borsoi | commenti |

Claudia Borsoi | commenti |

VALDOBBIADENE - Pecore rasa-erba sulle rive di Valdobbiadene. Otto ruminanti, di cui due agnelli, sono già “al lavoro” per tenere pulito il sotto-pianta del vigneto dell’azienda agricola “Bepi Boret” sulla collina del Cartizze immersa nel territorio Patrimonio dell’Umanità. Sono l’alternativa al potente glifosate, bandito di recente dal territorio della docg, o ad altri erbicidi chimici.

 

«Per la serenità di tutti i cittadini che convivono con il mondo della viticoltura, considerata sempre e volentieri malsana e irrispettosa nei confronti della natura, quella delle pecore è senz’altro una valida alternativa. Spero che altri viticoltori adottino questo metodo» l’auspicio di Giuseppe Gatto e del figlio Pier Arrigo. Nell’azienda agricola, che conta anche l’agriturismo, i Gatto hanno capre, maiali, pecore e numerosi animali da cortile.

 

«Per risparmiare sul fieno – racconta il giovane Pier Arrigo – abbiamo pensato di liberare le pecore tra i filari di prosecco. E in meno di una settimana hanno ripulito un ettaro di riva che ora sembra, da come è ben tenuto, un giardino». Un lavoro che vedrà impegnate le otto pecore (in foto) fino ad inizio primavera, quando le piante di vite inizieranno a germogliare. E allora a tenere pulito il sotto-pianta, fino alla vendemmia, ci penseranno le braccia umane “armate” di decespugliatore.

 

«Qui sulle rive – prosegue Pier Arrigo – le macchine non arrivano e tutto il lavoro è fatto dall’uomo. E le pecore vengono in nostro aiuto per tenere pulito il sotto-pianta, oltre al fatto che pure le concimano. In queste settimane mi sono reso conto che sono una valida alternativa ai prodotti chimici».

 



Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×