23/03/2017nuvoloso

24/03/2017nuvoloso

25/03/2017sereno con veli

23 marzo 2017

Autovelox nascosto, la multa è valida?

Tra le tante questioni che riguardano gli autovelox - dalla multa nulla se non c'è pattuglia al verbale della polizia incompleto - c'è anche il caso in cui lo strumento rilevatore della velocità non sia visibile in strada. Cosa accade? La multa è valida. Ma, come ricorda il sito de 'La legge per tutti', la postazione deve essere segnalata con cartelli o dispositivi luminosi.

Secondo una sentenza del Tribunale di Caltanissetta dello scorso 25 novembre, infatti, "relativa a una controversia per un verbale della Polizia Municipale per eccesso di velocità su strada urbana", il giudice di pace "aveva rigettato la richiesta di annullamento, alimentando le lamentale del conducente secondo cui non si era tenuto conto della visibilità dell'autovelox".

Lamentele che vengono 'stoppate' anche dalla Cassazione (sentenza 20837/2016) che conferma come "i Comuni non sono obbligati ad apporre segnalazioni: è sufficiente che la presenza dello strumento sia indicata tramite segnaletica verticale nel percorso che precede la postazione, indicando solo presenza dell'autovelox sul tratto di strada seguente ma non l'esatta posizione" sottolinea il portale di informazione giuridica.

Del resto, come afferma il codice della strada (articolo 142, comma 6 bis) le postazioni di controllo "per il rilevamento della velocità devono essere preventivamente segnalate e ben visibili, ricorrendo all'impiego di cartelli o di dispositivi di segnalazione luminosi, conformemente alle norme stabilite nel regolamento di esecuzione del presente codice" ma tali requisiti - segnalazione e visibilità - "devono riferirsi non alla postazione dell'autovelox" aggiunge il sito di informazione legale, "quanto piuttosto alla sua presenza nei pressi della sede stradale".

 



Loading...

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Zaia annuncia la manovra sull'Irpef per la Pedemontana Veneta. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.909

Anno XXXVI n° 5 / 16 marzo 2017

MENINGITE. DOBBIAMO AVERE PAURA?

Perché la meningite non è un incubo. Tanti buoni motivi per non creare un falso allarme. Benazzi: “Il numero dei malati è nella norma”. Il metodo - prevenzione (cioè il vaccino) funziona sempre

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×