19 novembre 2019

Vittorio Veneto

Aumentano le tariffe dei parcheggi: "Si poteva evitare, tutto a vantaggio di Abaco"

Il consigliere Saracino presenta una mozione per ritirare la delibera

Roberto Silvestrin | commenti |

immagine dell'autore

Roberto Silvestrin | commenti |

saracino parcheggi vittorio veneto

VITTORIO VENETO - Quella di aumentare le tariffe dei parcheggi a Vittorio Veneto è stata una “volontà politica”: lo sostiene il consigliere di Partecipare Vittorio, Matteo Saracino, che con accesso agli atti ha esaminato la convezione – datata 2013 – con Abaco, la società di gestione degli stalli blu.

 

Il punto 14 del contratto prevede che l’amministrazione si riservi “la facoltà di incrementare o diminuire le aree di sosta a pagamento, fino al limite massimo del 20%”, semplicemente rivedendo il canone dovuto al comune. Se si prende in considerazione il fatto che “a raso”, in città, ci sono 372 stalli, si comprende come – togliendo 25 parcheggi in Piazza Medaglie d’oro - non si arriva né si supera il 20%.

 

Quindi l’eliminazione dei parcheggi dall’area dietro il municipio sarebbe potuta essere compensata con una revisione del canone, e non – sostiene Saracino – con l’individuazione di ben 50 stalli, 42 dei quali a Serravalle. “Se mi togli 25 parcheggi, te ne do al massimo altri 25, non 50. Ricordo che il comune percepisce da Abaco 61mila 770 euro, e il 20% degli incassi di Pra San Marco sopra i 20mila euro.

 

Quindi l’aumento delle tariffe è tutto a favore di Abaco”. Il consigliere ha poi richiamato l’articolo 7 comma 8 del codice della strada, che prevede che nell’area in cui il comune dà in concessione dei parcheggi a pagamento ci sia una zona dedicata a parcheggi “senza dispositivi di controllo della sosta”. “Dove sono previsti questi stalli in via Tandura, dove vengono messi 42 parcheggi a pagamento?” chiede Saracino.

 

Che ha inviato al presidente della IV commissione, Alessandro De Bastiani, ai consiglieri, al presidente e al segretario del consiglio comunale, una lettera con cui chiede il ritiro della delibera di giunta che rivoluziona i parcheggi vittoriesi. “Non è giustificata dalla convenzione – dichiara Saracino – Quella di aumentare le tariffe è una volontà politica.

 

E poi c’è la questione del parcheggio Pra’ San Marco: la modifica che consente di fare un abbonamento, anche diurno, va a annullare o modificare la precedente convenzione, rendendola nulla?”. Lunedì il consigliere depositerà in comune una mozione per il ritiro (o modifica della delibera), che verrà discussa nel prossimo consiglio comunale utile.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×