20/09/2017quasi sereno

21/09/2017sereno

22/09/2017quasi sereno

20 settembre 2017

Castelfranco

Asolo: rischio esondazioni, ripulito torrente Erega

L’intervento segue quello al Musonello

commenti |

ASOLO - Sono praticamente ultimati i lavori di pulizia espurgo del torrente Erega a Pagnano d’Asolo. L’intervento, a cura del Consorzio di Bonifica Piave, segue di pochi giorni la pulizia della roggia Musonello, nel tratto dall’antico Maglio di Pagnano alle Case Rossetto.

 

“Dopo le varie emergenze alluvionali di questi ultimi anni - spiega il sindaco Mauro Migliorini - l’amministrazione Comunale ha avviato un importante lavoro di collaborazione e condivisione con il Consorzio di Bonifica Piave e con il Genio Civile di Treviso, per la manutenzione e il ripristino della rete idrografica del territorio, al fine di mitigare il rischio idraulico”.

Il Consorzio di Bonifica Piave è già intervenuto in diverse aree comunali, come ad esempio in località Casonetto, e nella pulizia di alcuni canali irrigui e fossati. Anche il Torrente Muson, nel tratto dal Casonetto a Pagnano d’Asolo, durante la scorsa primavera e i primi mesi di questa estate, ha avuto un importante intervento di pulizia dell’alveo e rinforzo delle scarpate con la posa di pietre per argini, ad opera del Genio Civile di Treviso. Il Settore Lavori Pubblici del Comune si è occupato della messa in sicurezza idraulica di via Lauro, posa di griglie, pulizia di scoli.

 

“Per quanto riguarda in particolar modo il torrente Erega – prosegue il sindaco - era necessario realizzare questa pulizia straordinaria, coerentemente con gli obiettivi del programma di mandato e con gli impegni presi con i cittadini, atteso che gli ultimi interventi di manutenzione risalivano a otto anni fa”.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×