18/06/2018possibile temporale

19/06/2018quasi sereno

20/06/2018quasi sereno

18 giugno 2018

Treviso

Arrestato richiedente asilo grossista dello spaccio di Treviso

L'operazione della polizia locale è scattata martedì sera in centro dopo un mese di controlli e appostamenti

Isabella Loschi | commenti |

sequestro

TREVISO - Fermato dagli agenti della polizia locale un grossista dello spaccio in piano centro a Treviso. L’operazione è scattata martedì sera, intorno alle 19.30, ad opera della squadra di polizia giudiziaria del Comando di Treviso, dopo un mese di controlli, appostamenti e pedinamenti in borghese.

Gli agenti hanno fermato un giovane nigeriano, richiedete asilo, classe '94, che riforniva altri pusher particolarmente attivi nel centro storico di Treviso, mentre si trovava in sella alla sua bicicletta nella zona tra i giardini Sant’Andrea e via Roma. Una volta fermato dagli agenti il giovane ha tentato di fuggire, colpendo più volte gli uomini della polizia locale che sono riusciti comunque a bloccarlo. Perquisito, è stato trovato in possesso di 25 grammi di marijuana. Immediatamente è scatta la perquisizione all’interno dell’appartamento dello spacciatore, lungo il Put, dove abita in affitto.

Con l’aiuto dell’unità cinofila Hitch, gli agenti hanno trovato ben 6 etti di marijuana, nascosti dentro un armadio, una dose di cocaina, bilancini di precisione, circa 1.330 euro in banconote di vario taglio, quattro smartphone ed una carta di credito Postepay collegata ad un conto corrente intestato allo stesso nigeriano, e sul quale risultavano versamenti per 2.500 euro.

All’interno dell’appartamento sono state identificate altre cinque persone, tra le quali due donne, tutte di nazionalità nigeriana. Uno di loro ha diversi precedenti per spaccio, come d'altronde spacciatore, che fu denunciato dai carabinieri di Treviso per il medesimo reato nel luglio del 2017. 

Tutto il materiale trovato è stato confiscato dagli agenti della polizia locale, mentre il giovane è stato processato per direttissima ieri mattina ed è stato condannato a 2 anni di reclusione, pena sospesa e a pagare una multa di 5.700 euro.

“Le ripetute operazioni antispaccio in centro storico – commenta il comandante della Polizia Locale Maurizio Tondato – ci stanno portando ad individuare profili sempre più influenti nello smercio di droga cittadino. Il commercio illegale di queste sostanze è un problema di portata nazionale ed internazionale, ma non per questo la polizia locale abbassa la guardia. Oggi siamo arrivati ad arrestare un importante grossista, in possesso di quantità di droga molto rilevanti. E l'indagine non si ferma certo qui ”.

“La polizia locale e l’amministrazione stanno svolgendo da tempo un lavoro mirato a contrastare lo spaccio in città – aggiunge il vicesindaco di Treviso Roberto Grigoletto - Accanto ai controlli praticamente quotidiani nelle aree sensibili del centro e dei quartieri, vi è una attività che si articola nel medio e lungo termine, e che sta permettendo di avvicinarsi sempre di più ai capofila dello spaccio in città, a chi cioè rifornisce la droga agli spacciatori. L’operazione condotta la scorsa notte è il frutto concreto di un lavoro che abbiamo deciso di intraprendere con determinazione dal primo giorno di amministrazione”.

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.938

Anno XXXVII n° 12 / 21 giugno 2018

SULLA MIA PELLE

Il tatuaggio: una moda vecchia 5300 anni

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×