11/12/2018quasi sereno

12/12/2018sereno

13/12/2018pioggia e neve debole

11 dicembre 2018

Treviso

Appuntamento con la prostituta, poi spuntavano i complici: clienti picchiati e rapinati

I tre poi fotografano la carta d’identità e minacciavano di rivelare tutto alle mogli

commenti |

conferenza stampa questura

TREVISO Dopo aver preso contatto con la prostituta tramite un annuncio visto online i clienti si presentavano nell’appartamento dove la bella ragazza, una 25enne rumena, avrebbe dovuto offrire le sue prestazioni come d’accordo.

Però qui non trovavano solo lei, ma anche due suoi complici che li riempivano di botte, li rapinavano dei soldi che avevano in tasca e poi si facevano dare il codice del bancomat per andare a prelevare quanto più potevano. Non solo. Una volta ottenuto quello che volevano, fotografavano la carta d’identità del cliente e lo minacciavano di rilevare tutto alla moglie nel caso in cui si fosse azzardato a rivolgersi alle forze dell’ordine.

Non mancavano nemmeno esplicite minacce di morte, nel caso in cui qualcuno si fosse sognato di non seguire l’avvertimento.

 

Ma due dei clienti finiti nella ragnatela si sono rivolti alla Questura di Treviso e la squadra mobile ha fatto scattare le indagini. Ad essere ritenuti responsabili di alcuni episodi di questo genere - anche se gli inquirenti sospettano i casi siano particolarmente numerosi – la prostituta rumena di 25 anni, un albanese di 22 anni ed un kosovaro 30enne.

Si trovano tutti in carcere su disposizione della Procura Distrettuale di Bologna, che ha collaborato con la polizia trevigiana, e devono rispondere di rapina.

 

Stando a quanto emerso finora i tre avrebbero agito in varie città d’Italia. In provincia di Treviso, in particolare, la donna riceveva in un appartamento lungo il Terraglio. La polizia si rivolge direttamente ai clienti affinché contattino il 113 nel caso in cui ritengano di essere delle vittime di queste tre persone, assicurando che verrà garantita la massima discrezione.

 

(In foto la conferenza stampa della polizia in cui è stata resa nota l'operazione)

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×