22/10/2017pioggia debole

23/10/2017sereno con veli

24/10/2017quasi sereno

22 ottobre 2017

Treviso

Alunni di Treviso campioni nella raccolta delle pile esauste

L’Istituto Comprensivo Coletti secondo classificato con 129 chili di pile usate al concorso nazionale per le scuole

Isabella Loschi | commenti |

TREVISO – Treviso sale sul podio del concorso nazionale destinato alle scuole per la raccolta delle pile esauste. Gli insegnanti e gli alunni dell’Istituto Comprensivo 5 Coletti si sono aggiudicati il secondo posto per aver raccolto 129 chili di pile esauste nel solo mese di maggio. Grazie al coinvolgimento attivo dei 367 alunni provenienti dai plessi che hanno aderito all’iniziativa (la primaria “Collodi” di San Liberale e la media “L. Coletti” di Santa Bona), l’Istituto Comprensivo ha ricevuto un premio di 2mila euro, da spendere in materiali e forniture per la didattica.

“Siamo molto orgogliosi di aver collaborato a questo progetto e soprattutto, di questo importante risultato: gli alunni dell’IC 5 di Treviso – da sempre molto attivo nelle attività di educazione ambientale – si sono dimostrati attenti all’ambiente e il loro impegno è stato premiato. Un’ulteriore testimonianza di quanto sia importante educare le nuove generazioni al rispetto per l’ambiente”, ha commentato Franco Zanata, presidente di Contarina.  

La competizione, promossa dal Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori e realizzato in collaborazione con Ancitel Energia&Ambienteha coinvolto oltre 7.300 alunni da tutta Italia, che si sono sfidati per 30 giorni in un programma straordinario di raccolta di pile esauste. L’Istituto comprensivo 1 di Chieti ha vinto la sfida, raccogliendo di 376 Kg di pile esauste, al terzo posto l’Istituto Italo Calvino di Sanremo, con 89 kg di pile esauste raccolte. A ciascun plesso scolastico coinvolto sono state consegnate le locandine informative e i contenitori appositamente dedicati alla raccolta delle pile. Al termine dei 30 giorni i contenitori di Treviso sono stati ritirati da Contarina, che si è occupata anche della pesatura del materiale raccolto e lo ha poi smaltito.

 Il concorso, che ha voluto sensibilizzare e informare gli studenti, gli insegnanti e le famiglie sul tema della corretta gestione delle pile esauste, rientra nelle proposte di sensibilizzazione e informazione della collettività. “Abbiamo deciso di realizzare un concorso nazionale per le scuole – ha detto Luca Tepsich, Segretario Generale del CDCNPA – perché riteniamo che le campagne di sensibilizzazione di raccolta debbano essere destinate in primis ai giovani e giovanissimi. Per un dialogo efficace con le nuove generazioni, infatti, è quanto mai opportuno coinvolgerle direttamente e suscitare e mantenere vivo il loro interesse”.

  “I risultati della competizione sono molto positivi – ha dichiarato Filippo Bernocchi, rappresentante di Ancitel Energia&Ambiente e componente del Direttivo Anci – se consideriamo che tra tutte le scuole partecipanti abbiamo registrato una quantità di pile raccolte pari a 940 Kilogrammi. Segno che le nuove generazioni sono sempre più consapevoli del valore della raccolta differenziata e disponibili a collaborare da protagonisti per il bene del Paese”.

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×