20/09/2017quasi sereno

21/09/2017sereno

22/09/2017quasi sereno

20 settembre 2017

Oderzo Motta

All'Expo la polenta di Chiarano

Presente nei giorni scorsi alla Fattoria sociale Moro lo chef stellato italo francese Michele Basaldella

commenti |

CHIARANO - Sarò lo chef stellato italo francese, Michele Basaldella, di origini friulane, diplomatosi alla Scuola Alberghiera di Aviano e attivo in Francia da oltre vent’anni a presentare all’Expo di Milano la tradizionale polenta veneta.

 

Negli scorsi giorni lo chef che lavora a Parigi con Alain Ducasse, è arrivato a Chiarano, nella Fattoria Sociale Moro in via Prepier (foto sotto) per incontrare le famiglie Moro e Bidoggia e gli ospiti della fattoria sociale, preparare una polenta con farina di mais Biancoperla e conoscere le due farine che impiegherà all’Expo.

 

 

Oltre che con la Biancoperla, il cui mais è gelosamente conservato da oltre settant’anni dalle famiglie Moro e Bidoggia, lo chef realizzerà una polenta anche con la farina di mais Marano rosso, prodotto sempre a Chiarano nell’azienda di Giuseppe Bidoggia.

 

A Milano la presentazione è fissata per il prossimo 18 ottobre nel padiglione di Slow Food e sarà un’occasione per far conoscere a un pubblico internazionale questo storico alimento veneto, presente dalla metà del ‘500 e recentemente tornato in auge grazie a all'intelligente riproposta dei vecchi piatti della cucina contadina nell'alta ristorazione italiana.

 

All’evento del 18 ottobre all’Expo sarà presente una numerosa rappresentanza di chiaranesi che avrà anche modo di visitare la grande esposizione milanese.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×