19/08/2017temporale e schiarite

20/08/2017quasi sereno

21/08/2017quasi sereno

19 agosto 2017

Vittorio Veneto

Alla vigilia di un weekend politico di grande attesa

Intervista al capogruppo pd alla Camera, Ettore Rosato

Pietro Panzarino - Vicedirettore | commenti |

VITTORIO VENETO - L' on. le Ettore Rosato, capogruppo PD alla Camera, ieri sera ha incontrato i democratici nella biblioteca di Vittorio Veneto.

Prima del dibattito ha risposto ad alcune domande.

1) Il quadro della situazione del partito nazionale, questa sera, alla vigilia di due appuntamenti, che potrebbero diventare storici ossia l'assemblea nazionale PD di domenica e il preambolo della minoranza prevista per sabato... la eventuale scissione...

Premetto che il dibattito segnala in modo evidente che siamo un partito veramente democratico e quindi che il confronto al nostro interno  è vivo.

Noi faremo tutto quello che è possibile per recuperare e per riallacciare i rapporti.

Certo ci hanno chiesto il congresso e quindi il congresso ci sarà, anche perché avevano minacciato la scissione, se non ci fosse stato il congresso e quindi è giusto farlo.

Abbiamo valori comuni, ideali comuni ,obiettivi comuni e quindi mettiamoci tutti al servizio del Paese e lavoriamo insieme.

 

2) Come si avvia alla Camera il dibattito sulla riforma elettorale, per modificare il cosiddetto italicum, sulla base delle indicazioni della Corte Costituzionale? È cominciata la partita?

Siamo ai preliminari, che servono per chiarire intanto chi ci sta a fare uno sforzo per la legge elettorale,  chi non vuole imporre niente a nessuno, ma che ha voglia di arrivare veramente a una soluzione, una soluzione che si può ottenere se ognuno faccia un passo indietro.

Noi abbiamo dato la disponibilità seria, per esempio a scegliere il premio alla coalizione piuttosto che ad una lista.

Se questo riesce a recuperare un campo più largo di consenso può essere un'opzione.

Poi utilizzeremo il tempo necessario e decideremo in campagna elettorale, per allargare il lavoro che si sta facendo, guardando con attenzione a quello che nasce a sinistra con Pisapia, ma anche nello stesso tempo a tenere un rapporto forte con chi nel panorama centrista ci ha dato una mano a far vivere questo Governo.

 

3) Uno degli argomenti maggiormente dibattuti in questo momento riguarda i cosiddetti 10 capilista bloccati. Questo numero per molti è eccessivo...

Sulle pluri-candidature non c'è nessuno che le contesta più.

Non mi sembra che questo sia il problema.

Il tema si pone in questi termini: ma possono i partiti decidere chi candidare in un collegio o no?

La Corte Costituzionale ci ha spiegato molto bene che è proprio un compito dei partiti quello di selezionare la classe dirigente.

Dopo di che, bisogna trovare una soluzione per superare questo sistema misto di preferenze e di capilista bloccati.

Questi ultimi sono i candidati di collegio, che sono scritti sulla scheda, come esattamente funzionava con il mattarellum .

Faremo uno sforzo e cercheremo una soluzione.

pietro.panzarino@oggitreviso.it

 



foto dell'autore

Pietro Panzarino - Vicedirettore

Commenta questo articolo


Loading...
vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.918

Anno XXXVI n° 14 / 27 luglio 2017

VACCINI A SCUOLA. PROMOSSI O BOCCIATI?

Per andare a scuola non basta il diario. Ora ci vuole il libretto sanitario. Con il certificato delle vaccinazioni.Ma è proprio indispensabile?

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×