19/10/2017tempo nebbioso

20/10/2017tempo nebbioso

21/10/2017variabile

19 ottobre 2017

Castelfranco

All’Ipsia si studiano i droni: consegna dei farmaci, ma non solo

Potrebbe essere usati anche per libri, vestiti, pacchi postali, foto aeree e pulizie

Matteo Ceron | commenti |

CASTELFRANCO – All’Ipsia “Galilei” di Castelfranco alcuni ragazzi di quinta stanno studiano i droni, sarà l’argomento che porteranno agli esami di maturità con la tesina.

Sull’impiego dei piccoli elicotteri radiocomandati gli studenti hanno già fatto delle sperimentazioni, utilizzandoli per la consegna dei farmaci a domicilio in base ad accordi con farmacie di Castelfranco.

All’Ipsia, dopo che si è sparsa la notizia dell’utilizzo dei minielicotteri diffusi in ambito militare o per le riprese video anche per la consegna dei farmaci, sono fioccate richieste di informazioni per altri usi. A spiegarlo il professor Daniele Pauletto, che segue gli studenti nel progetto dei droni.

 

«Abbiamo ricevuto molte mail e chiamate di persone che ci hanno richiesto informazioni sul possibile impiego dei droni – spiega il professor Pauletto – Le richieste vanno dal trasporto di oggetti come libri, vestiti, pacchi postali e quant’altro, per arrivare fino alle foto aeree ed addirittura per le pulizie di punti difficilmente raggiungibili».

Saper pilotare un drone in un futuro non tanto lontano potrebbe diventare utile per trovare lavoro. L’Ipsia di Castelfranco potrebbe essere una delle prime scuole a dare questo tipo di formazione.

«Due scuole negli Stati Uniti, in particolare nell’Ohio – afferma ancora il professore – Hanno già avviato una formazione specifica per studenti che intendano intraprendere questa strada e fare dei lavori in cui si utilizzano proprio i droni».

 



foto dell'autore

Matteo Ceron

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×