25/09/2018sereno

26/09/2018sereno con veli

27/09/2018sereno

25 settembre 2018

Vittorio Veneto

All’Iper Tosano reparto per musulmani

Al supermercato di Colle Umberto disponibile la carne Halal

Stefania De Bastiani | commenti |

COLLE UMBERTO – Tra la carne di maiale e quella di pollo, spunta l’insegna “Halal”. Che in arabo significa “lecito”. E che, a Colle Umberto e dintorni, è una novità.

Al supermercato Iper Tosano, è stato destinato un intero bancone del reparto macelleria alle carni macellate come consentito dal rito islamico. Si trova di tutto: pollo, pecora, capra, bovino.

 

La carne, per essere “halal”, deve essere stata trattata secondo specifici riti musulmani: l’animale deve arrivare al macello vivo, e un macellaio musulmano deve pronunciare il nome di Dio prima di uccidere l’animale. Il coltello deve essere affilato in un certo modo e la macellazione deve essere effettuata in modo particolare per evitare, da una parte, inutili sofferenze all’animale e per assicurare, dall’altra, una migliore qualità della carne. Per gli islamici, infatti, quella “halal” non solo è l’unica carne “permessa”, ma è anche un prodotto molto più genuino rispetto a quello che consumiamo noi. Le carni, inoltre, non devono essere contaminate da prodotti “haram”, cioè vietati, quali ad esempio la carne di maiale e l’alcol. E non devono contenere tracce di sangue.

 

Per il Tosano, i prodotti "Hahal", non sono una novità: “Presso i nostri supermercati e ipermercati Tosano è sempre disponibile la carne Halal, macellata come stabilito dal rito islamico”, si legge sul sito dell’azienda. Ma per i consumatori della zona, vedere un intero reparto “Halal” è davvero insolito. Il segno di un cambiamento culturale che sta avvenendo, come ovunque, qui. Anche tra le corsie del supermercato.

 



foto dell'autore

Stefania De Bastiani

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.942

Anno XXXVII n° 16 / 13 settembre 2018

NATI E ABBANDONATI

Abbandonare gli animali, in Italia, è un reato. Eppure qualcuno ogni giorno lo fa. La storia di Mister Frog e di chi si prende cura di lui e altri mille cani e gatti rimasti senza famiglia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×