23/11/2017coperto

24/11/2017nuvoloso

25/11/2017pioggia

23 novembre 2017

Ambiente

Alessandro Preziosi testimonial della campagna 'EmergenSea'.

AdnKronos | commenti |

Roma, 12 lug. - (AdnKronos) - “Ognuno di noi ha il dovere di difendere il mare", perché "il mare è patrimonio di tutti". E' l'invito dell'attore Alessandro Preziosi, testimonial della campagna di MareVivo "EmergenSea", che punta a sensibilizzare i cittadini sui vantaggi ambientali del riciclo a bordo di navi, nelle marine e negli stabilimenti balneari, presso i club velici. Ogni anno, nel mondo vengono prodotte 280 milioni di tonnellate di plastica di cui, secondo le stime, oltre il 10% finisce in mare. E si prevede che nel 2050 le tonnellate prodotte diventeranno 400 milioni.

Non solo plastica: ogni giorno, 200 milioni di mozziconi di sigarette, che impiegano fino a 5 anni per decomporsi, vengono gettati nell’ambiente. “Ricicla, riduci, riusa” è lo degli slogan del video della campagna , messaggio presente anche nel materiale informativo distribuito a bordo delle navi e negli esercizi aderenti all’iniziativa. Vengono evidenziati i piccoli gesti e comportamenti virtuosi da tenere per contribuire a salvaguardare l’ambiente e il mare: gettare i rifiuti solo dove è consentito e non disperderli nell’ambiente, riciclare e recuperare, risparmiare le risorse, consumare in maniera responsabile, avere comportamenti corretti in spiaggia rispettando la natura.

Attualmente nel mondo solo il 14% della plastica viene riciclato. “Solo attuando un’economia circolare, con azioni concrete come quelle del recupero e del riciclo di tutti i rifiuti prodotti della nostra civiltà, si potrà sperare di arrestare l’inquinamento che sta distruggendo il nostro mare", spiega Rosalba Giugni, presidente di Marevivo, ricordando che: "Il mare è il polmone blu della Terra, produce l'80% dell'ossigeno e assorbe un terzo dell'anidride carbonica, solo quando è in buona salute".

Partner della campagna è Corepla, il Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclaggio ed il recupero degli imballaggi in plastica. Hanno già aderito per le marine Marinedì Group e le compagnie di navigazione Caronte & Tourist, Grandi Navi Veloci, Grimaldi Lines, Snav. A bordo delle navi e dei traghetti e nelle marine che aderiscono sarà possibile trovare i materiali informativi e su alcune imbarcazioni, inoltre, saranno presenti macchine compattatrici per bottiglie di plastica e lattine che separano e compattano i materiali rendendoli pronti per il riciclo.

In questo modo si faciliterà lo smaltimento dei prodotti che potranno essere più agevolmente conferiti a seconda delle situazioni, direttamente ai Comuni o alle industrie di trasformazione, contribuendo ad eliminare il rischio della loro dispersione nell’ambiente.

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.924

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×