24 agosto 2019

Treviso

In aiuto a immigrati, imprenditori e senza tetto: è don Davide Schiavon il trevigiano dell'anno

I trevigiani hanno votato. Nel 2014, a distinguersi, il direttore della Caritas Tarvisina

commenti |

TREVISO - È don Davide Schiavon, direttore della Caritas Tarvisina di Treviso, il trevigiano dell'anno. Moltissime le segnalazioni arrivate dai lettori di OggiTreviso per don Davide, come riconoscimento dell’impegno per l’aiuto alle persone più in difficoltà, ai senza fissa dimora, all'accoglienza degli immigrati e per aver dato sostegno e speranza agli imprenditori in crisi grazie al progetto Penelope.

 

Attivo da oltre due anni, il centro di ascolto per imprenditori in difficoltà presso la Caritas di Treviso, cerca di trovare soluzioni e dare nuove prospettive per chi si trova in situazione di dissesto finanziario, soffocato dai debiti è stato costretto a chiudere la propria attività, offrendo degli strumenti sia dal punto di vista economico e legale che psicologico. L'obiettivo è di togliere dall'isolamento le persone e di aiutarle a prendere consapevolezza di che possibilità hanno per uscire dal momento di crisi.

 

"Fortunatamente, grazie anche a questo progetto in un anno e mezzo, il numero di suicidi di imprenditori nella nostra provincia si è ridotto a zero - ha evidenziato don Davide Schiavon - molte persone dopo un momento di difficoltà sono riuscite a riprendere in mano la propria vita".

Don Davide è direttore dal 2008 della Caritas Tarvisina, l'organismo pastorale istituito nella Diocesi di Treviso, al fine di promuovere la testimonianza della carità nella comunità ecclesiale, in forme consone ai tempi e alle necessità, in vista dello sviluppo integrale dell'uomo, della giustizia sociale e della pace, con particolare attenzione agli ultimi e con prevalente funzione pedagogica.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×