18 luglio 2019

Vittorio Veneto

Addio 1° FOD: a Vittorio Veneto la medaglia di consolazione?

Vittorio Veneto riceverà sabato la Croce d’oro al valore dell’Esercito.

Julia Gardiner | commenti | (13) |

Tra lo sguardo incuriosito e un po’ perplesso di alcuni vittoriesi, che pensavano di trovarsi davanti alla manifestazione “vera”, si sono svolte stamattina le prove generali in Piazza del Popolo per l’attesa cerimonia di sabato con la quale il 1° FOD darà l’addio alla Città della Vittoria. E, c’è da dire, non sono mancate le sorprese.

Già da giorni indiscrezioni dicevano che il Sindaco Da Re avesse ottenuto dalle autorità militari una cerimonia in pompa magna, con tanto di annullo filatelico, fanfara dei bersaglieri e diretta streaming, ma la vera notizia è emersa nel corso delle prove generali.

Vittorio Veneto riceverà sabato la Croce d’oro al valore dell’Esercito. Spulciando nel sito della Presidenza della Repubblica si può verificare che sono pochissime le onorificenze di questo tipo conferite fino ad oggi. Giusto per fare qualche esempio, se ne fregiano, oltre a singole persone, la Bandiera di Guerra dell’Arma di Fanteria, quella del Reggimento Lagunari "Serenissima", quelle di alcuni Reggimenti dei Bersaglieri e quella del 9° Battaglione d’Assalto Paracadutisti "Col Moschin". Nessuna Città, prima di Vittorio Veneto, l’ha ricevuta.

Un gesto di riconoscenza, quindi, per l’ospitalità data per 60 anni a uno dei più importanti comandi dell’Esercito Italiano, che oggi abbandona, tra le polemiche, la Città e che lascia l’amaro in bocca: senza voler snobbare l’importante onorificenza, pare davvero una magra consolazione per Vittorio Veneto.

 



Julia Gardiner

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Pitost de gnént l'è mejo pitòst... ma di certo non compensa la terribile mazzata subita dalla città con la partenza del Comando.

segnala commento inopportuno

Ci siamo dimenticati dei numerosi commenti sull’argomento e dello schieramento PD e CGIL che ha giocato la carta di essere al Governo a Roma e di poter quindi ribaltare la decisione e tenere il Comando a Vittorio? Carta che se vista avrebbe messo in crisi la Lega locale e aperto una “porta” per la conquista della maggioranza alle prossime elezioni. Quando il PD comprenderà che deve far politica, esporre progetti fattibili di sviluppo e su questi prendere i voti e non affidarsi alla fortuna, a Roma, Treviso magari o alla astensione dal voto?
Adesso non gli resta altro, al PD, che affidarsi alla Civica di Gava & C. in gestazione. Auguri

segnala commento inopportuno

Storia già vista quella di Gava. Classiche operazioni individualiste, elitarie e prive di idee fondanti.
Nel 2004 il famigerato gruppo dei "Cenatori" mise in campo Pavan, che divenne il trombato più eccellente della storia politica vittoriese.
Ora ci riprovano con un altro componente: Gava.
All'epoca Rifondazione impose Pavan al centrosinistra come candidato.
E i risultati si sono visti
Stavolta che succederà?

segnala commento inopportuno

Per anni non si sono interessati alla vicenda, quando era possibile ancora intervenire, ora si prendono congratulazioni, medaglie e cena di gala. A spese dei cittadini vittoriesi. Complimenti all'amministrazione leghista comunale e regionale, i loro interessi li sanno fare, quelli dei cittadini non sono poi così importanti.

segnala commento inopportuno

Il Presidente della Repubblica per consolarci concede a Vittorio Veneto una medaglia un gesto che suona più, per dirla alla leghista vecchia maniera, " Veneto Polenton paga e tasi". questo trasferimento" qualche sospetto", che va oltre a le motivazioni ufficialmente dichiarate lo desta, il problema del trasferimento di comandi importanti dalle nostre zone verso "lidi più sicuri" non riguarda solo Vittorio Veneto è infatti di questi giorni il trasferimento del comando divisioni mobili dei carabinieri da Treviso a Roma. qualcuno mi faceva notare che questa sorte di" riassetto militare" è iniziata nei tempi in cui un esponente di spicco della Lega del quale non ricordo esattamente il nome ebbe a dire "noi abbiamo gli alpini......" che subito qualcuno premuro' a modificare la " struttura" del corpo i cui componenti notoriamente provenienti Dal sempre in maggior parte dalle regioni del nord vennero "prodigamente sostituiti" con componenti provenenti da regioni " piu' idonee allo scopo", prontamente ci risponderanno che questo si e' reso necessario in seguito al passaggio Da un esrcito di leva ad un esercito "di professionisti".
Ca' gnissuno e' fesso per dirla in lingua assai comune proprio nell' esercito.
E a tutti i lettori del nord est " a buon intenditor.
......."






segnala commento inopportuno

Ma Sig. Meumequeius, ancora insiste co ' sta teoria complottista sul riposizionamento dei Comandi in "lidi più sicuri"?
Guardi che nell' Esercito, oltre l'ovvio discorso della leva obbligatoria che riguarda la composizione della truppa, ci son tanti ufficiali meridionali perchè fino a qualche tempo fa quella era una carriera poco ambita dai giovani del Nord. Ora le cose son cambiate assai!
PS: Ma ora godiamoci la cerimonia di sabato (speriamo nessuno la rovini..) e l'onore della Medaglia.

segnala commento inopportuno

pensa che sto fine settimana i leghisti importanti i fa festa ai laghi blu di Basso Fadalto arriva perfino Salvini a magnar polenta e MUS. non trota, I pensa de ciapar ancora voti alle prossime comunali, i fà pena poreti

segnala commento inopportuno

Spiegatemi cortesemente: non voterete più Lega, e mi sta bene (le elezioni ogni 5 anni sono un esame finale) perché reputate o convinti non abbia realizzato quanto vi aspettavate: MA COSA avreste voluto facesse ? 15 anni fa “avete maiestatico” mandato a casa “gli altri”. Ora COSA VORRESTE, cosa vi aspettate dagli “altri” e chi potrebbero essere ?O va bene tutto purché no Lega? E sul lavoro dell’opposizione cosa pensate? Tanto per non essere considerati, passare per “gli eterni scontenti”

segnala commento inopportuno

Il suo discorso va bene per il passato, ora le cose sono completamente cambiate, ora c'e' una " premeditazione" nella composizione delle forze armate, spero di essere un visionario, mi fermo, il nemico ci legge.

segnala commento inopportuno

Eh no Egregio Meumqueius, così non vale! proprio adesso che ci ha incuriositi... Provo a interpretare i suoi indizi: Lei ipotizza che una misteriosa Cupola stia meridionalizzando le Forze Armate e le stia concentrando al centro sud per poi poter attaccare il nord Italia a cannonate qualora esso reclamasse l'indipendenza?
Vagamente romanzesco ma certamente originale,

segnala commento inopportuno

Perche' secondo lei la caserma a firenze e' dono della divina provvidenza e il mantenimento della stessa sara' opera gratuita del volontariato fiorentino?, forse che a firenze i militari saranno pagati la meta'?, mi risulta che firenze sia una delle citta' piu' care, in italia se proprio si vuol risparmire bisogna " smantellare" altro che trasferire mia cara signora.

segnala commento inopportuno

Azzeccato il concetto, mi dispiace Le avevo confezionato una risposta ma e' andata persa in fase di invio troppo faticoso rifarla,
Guardi che i "golpe" si possono fare " democraticamente" senza sparare neanche una cannonata.
Si goda la festa della partenza, io quel giorno intonero' come tutti un inno il mio pero' sara' quello del " corpo libero" lo ha cantato anche un illustre patriota italiano di nome benigni.

segnala commento inopportuno

Intonero' Inno "del corpo sciolto"

segnala commento inopportuno

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

immagine della news

29/06/2015

Lavoro e combattimento

L’Arma del Genio celebra la sua festa con l’esercitazione Smart Sapper

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×