22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017rovesci e schiarite

22 settembre 2017

Vittorio Veneto

2009 ANNO NERO PER L'OCCUPAZIONE

Saltati oltre 2mila posti di lavoro nella Sinistra Piave

| commenti |

| commenti |

Vittorio Vento – Sarà un Natale sobrio quello della Sinistra Piave. O almeno per i tanti che hanno perso, o rischiano di perdere, il lavoro. Il 2009 si chiude con dati sconfortanti per l’occupazione: 2065 i posti di lavoro persi tra vittoriese, coneglianese e Quartier del Piave.  691 le persone rimaste senza occupazione solo nell’area vittoriese.

E il dato percentuale della disoccupazione nell’area sale al 7%. I dati sono stati diffusi dalla Cgil.

Tra chi un impiego ancora lo ha sono 12.700 i lavoratori toccati da riduzioni d’orario per cassa integrazione o ricorso obbligato a ferie e permessi anticipati. Di questi addirittura 4.997 nel vittoriese. Nell’anno che sta per chiudersi, insomma, un lavoratore su tre nel settore industriale e del terziario della zona di Conegliano - Vittorio Veneto - Quartier del Piave ha dovuto ricorrere agli ammortizzatori sociali.
Sono, infatti, oltre 200 le aziende che hanno fatto ricorso a misure come cassa integrazione e mobilità: 75 medio-grandi e 150 piccole imprese.

A Vittorio Veneto sono stati eclatanti i casi della chiusura del Lanificio Policarpo Cerruti e del biscottificio Colussi ma le imprese ancora in piedi, in media, hanno visto un calo dei loro fatturati del 30%.

“La crisi è nella parabola discendente però tanti lavoratori oggi in forza, che stanno utilizzando gli ammortizzatori sociali, per l’effetto del consistente ridimensionamento della domanda, non riusciranno ad avere garanzie occupazionali – avverte Ottaviano Bellotto della Cgil - anche a fronte di un’ipotizzabile ripresa, poiché questa sarà molto al di sotto dei livelli di attività economica raggiunta negli anni scorsi”.

Bellotto invita quindi le istituzioni pubbliche a tutti i livelli “ad affrontare questa situazione pianificando una rete di protezioni sociali che abbiano al centro le famiglie e i soggetti maggiormente colpiti dalla crisi”.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

immagine della news

09/06/2017

Lavoro, ecco come trovarlo

Il Progetto Radar, che vede capofila il Comune di Pederobba, mira ad affrontare in modo innovativo il tema dell’occupazione

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×