24/02/2019quasi sereno

25/02/2019quasi sereno

26/02/2019velature sparse

24 febbraio 2019

Agenda

“Tutto il mondo in un metro quadro”.

In ricordo dei cinquant'anni della morte di Giovanni Comisso

Incontri - Presentazioni

quando 21/01/2019
orario Dalle 18:00 alle 20:00
dove Treviso
Palazzo Giacomelli - Spazio Assindustria Venetocentro - piazza Garibaldi, 13 Treviso
prezzo Ingresso gratuito
info info@premiocomisso.it 0422 294276
organizzazione Associazione Amici di Comisso
sito web https://goo.gl/z0LInH

Il 21 gennaio 1969 moriva a Treviso Giovanni Comisso. In questo cinquantesimo anniversario, proprio lunedì 21 gennaio, alle 18 a Palazzo Giacomelli Spazio Assindustria Venetocentro, l’Associazione Amici di Comisso organizza un incontro che con le parole dello stesso Comisso, quello de Le mie stagioni, racconta una vita e insieme una città e un territorio. Sarà una scrittrice, Isabella Panfido, a condurre il filo di questa vicenda, curando la selezione dei testi e la regia e come voce narrante. Insieme a lei, l’attore Luca Zanetti e il violoncellista Massimo Raccanelli.

Il titolo dell’incontro in ricordo dei 50 anni della scomparsa di Giovanni Comisso è “Tutto il mondo in un metro quadro”, ed è la frase dello scrittore per definire la sua ‘casa di campagna’ a Zero Branco, dove scelse di vivere dopo i viaggi in Europa, Africa ed Estremo Oriente. L’evento è patrocinato da Regione Veneto e Assindustria Venetocentro.

Il saluto iniziale sarà tenuto da Neva Agnoletti, Presidente onoraria dell’Associazione Amici di Comisso della quale è stata socio fondatore nel 1979. “Fondammo l’Associazione – ricorda – nel decennale della scomparsa di Comisso perché la sua opera, la sua scrittura, che tanto ci aveva nutrito e nella quale ci specchiavamo, rimanesse attuale e sempre viva nell’interesse dei lettori, soprattutto i più giovani, e quale fondamento ed esempio della letteratura italiana e veneto. Già quell’anno si è tenuta la prima edizione del Premio Comisso e poi le altre attività culturali e nelle scuole. È stato un grande piacere apprendere pochi giorni fa della nuova edizione delle opere di Comisso grazie a La Nave di Teseo. E la digitalizzazione dell’archivio che come Associazione ci vede impegnati consentirà di ampliare ulteriormente la platea degli estimatori del nostro scrittore. Credo ne sarebbe contento anche lui e molti altri amici, grandi scrittori e intellettuali che in questi anni sono stati vicini all’Associazione e al Premio. È il migliore omaggio che possiamo fargli”.

“Nel rileggere Le mie Stagioni – dice Isabella Panfido -, ho cercato in filigrana una figura che restituisse maggiore autenticità all'uomo Giovanni Comisso, dietro alle mezze verità dell'autobiografia che, come ogni opera del genere, disegna l'immagine che l'autore vuole dare di sé. Più o meno consapevolmente dietro al cosiddetto ‘vitalismo’ comissiano corre una vena di malinconia che a tratti emerge con evidenza inconfutabile, pur se quasi ignorata nella percezione di sé di Giovanni Comisso. Nella mia selezione dei brani scelti da Le mie stagioni ho cercato di evidenziare il lato meno guascone dello scrittore e contemporaneamente la sua capacità di raccontare, per brevi lampi, la storia e la politica, italiana ma anche europea, degli anni che ha attraversato, quel periodo breve e fosco ricompreso tra le due guerre”.

 

 

Associazione Amici di Giovanni Comisso

 

 

Giovanni Comisso è nato a Treviso il 3 ottobre 1895. Ha compiuto studi classici e si è laureato in legge a Siena. Ha partecipato alla prima guerra mondiale e, nel 1920-21, all’impresa di Fiume. Libraio a Milano e commerciante d’arte a Parigi, ebbe un lungo sodalizio con il pittore De Pisis e con lo scultore Arturo Martini. Affermato scrittore e giornalista, ha viaggiato in Italia e all’estero come inviato speciale, raccogliendo le sue esperienze: quelle parigine in Questa è Parigi, quelle dell’estremo oriente in Cina-Giappone, Donne gentili, Amori d’oriente, quelle italiane in Un italiano errante per l’Italia, La Favorita, La Sicilia; quelle dei vari paesi europei in Viaggi felici, Approdo in Grecia. Ha collaborato alle riviste “Solaria”, “L’Italiano”; al settimanale “Il Mondo” e ai quotidiani “Corriere della Sera”, “Il Giorno” e “Il Gazzettino”. Nel 1932, con i guadagni delle corrispondenze dall’Oriente, acquistò una casa in campagna a Zero Branco. Vi trascorse lunghi periodi. Nel 1944, perduta per un bombardamento aereo la casa di Treviso, vendette la casa di campagna per acquistarne una nuova nella città. È morto a Treviso il 21 Gennaio 1969. Ha vinto il premio Bagutta 1928 per Gente di mare; il Viareggio 1952 per Capricci italiani; lo Strega 1955 per Un gatto attraversa la strada; il Puccini-Senigallia 1967 con Viaggi felici.

Altri Eventi nella categoria Incontri - Presentazioni

Mogliano

24/02/2019 dalle 08:30 alle 16:30 - parcheggio coop Mogliano - via Ronzinella

AREE UMIDE UN MONDO DIVERSO.

tre escursioni, tre esempi virtuosi

Treviso

24/02/2019 dalle 10:00 alle 11:30 - Saletta conferenze Fondazione Mazzotti, via Marchesan 11/a 31100 Treviso

L'archivio Plurimedia tra curiosità e misteri.

Progetto creativo per il patrimonio audiovisivo di Treviso e del Nordest

Commenta questo articolo


Appuntamenti in Evidenza

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×