24/11/2017parz nuvoloso

25/11/2017pioggia

26/11/2017piovaschi e schiarite

24 novembre 2017

Conegliano

“Pensa alla vita…guida con la testa”, la campagna per la sicurezza stradale a Conegliano

Il 16 settembre l'iniziativa promossa dall'Associazione Professionale Polizia Locale

commenti |

CONEGLIANO - Anche per il 2017 è ripartita da Jesolo la Campagna permanente per la sicurezza stradale “Pensa alla vita … guida con la testa !!!”, in piazza per la sicurezza “Dall’Adriatico alle Dolomiti” . È un’ulteriore occasione per discutere di educazione alla sicurezza stradale, sensibilizzazione e prevenzione che l’ANVU-Associazione Professionale Polizia Locale, svolge dal 2003 sul territorio nazionale, in collaborazione con la polizia locale e varie associazioni impegnate nel campo della sicurezza stradale.

 

Tredici anni di positive esperienze, iniziate nel litorale jesolano nel giugno del 2003, mantengono la Polizia Locale in prima linea nella tutela e la prevenzione della sicurezza stradale, specialmente fra i giovani.

 

L’ANVU sarà affiancata dai volontari della Polizia Locale e dalle varie Amministrazioni Comunali, dalle Associazioni impegnate nel settore della sicurezza stradale: A.I.F.V.S. (Associazione Familiari Vittime della Strada), l’A.R.C.A.T. (Associazione Regionale Regionale dei Club Alcologici Territoriali), dal Dipartimento della Sicurezza Stradale della F.M.I. (Federazione Motociclistica Italiana), dalle ULSS e dai volontari della Protezione Civile, ecc. …Dall’Adriatico alle Dolomiti…. Nel Veneto, dopo la riuscita esperienza degli scorsi anni viene riproposta la campagna regionale ANVU-Veneto, denominata Dall’Adriatico alle Dolomiti, per tutta l’estate è stata presente nelle principali piazze delle spiagge della Costa veneziana, (Jesolo, Eraclea, Chioggia, Caorle, Bibione, Cavallino- Treporti e Venezia) di Belluno e del Cadore (San Vito di Cadore), Abano Terme, Verona e Conegliano.

 

Gli eventi per la sicurezza stradale si svolgono nelle piazze o nei luoghi di aggregazione dei giovani, dei cittadini residenti e degli ospiti; a Conegliano sabato 16 settembre 2017 dalle ore 15.00 fino alla chiusura del 40° Expò auotomotomobilistico. Finalità dell’iniziativa: la sensibilizzazione all’uso del casco e delle cinture di sicurezza, l’informazione dei rischi/effetti derivanti dall’uso delle sostanze alcoliche e degli stupefacenti alla guida dei veicoli, evidenziando in modo particolare i pericoli nelle serate di evasione e divertimento (fine settimana) ed i comportamenti alla guida di ciclomotori e motocicli.

 

La piazza interessata ospita più stand informativi, attrezzati con pannelli e materiale informativo riguardante le principali norme di comportamento: uso dei sistemi di ritenuta, guida dei ciclomotori e motocicli, uso del casco, la guida in stato di ebbrezza alcolica, ecc., con la proiezione di video predisposti dalle Polizie Locali, fra cui il video di ANVU sull’uso del telefonino, visionabile su:. www.anvu.it sarà data informazione sulle norme del Codice della Strada mettendo anche a disposizione materiali ed attrezzature tecniche di controllo in dotazione alle Polizie Locali.

 

La Croce Rossa si occuperà del soccorso, fornendo informazioni e praticando dimostrazioni di interventi mirati a salvare la vita umana. Sarà inoltre l’occasione per incentivare l’uso della bicicletta come veicolo alternativo, considerato che siamo in piena settimana europea della mobilità sostenibile, in cui FIAB ed Associazione Liberalabici daranno il loro contributo per evidenziare i vantaggi che questo tipo di mobilità offre.

 

In basso, tra gli allegati, la locandina dell'evento.

 

Leggi altre notizie di Conegliano

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Conegliano
vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.924

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×